Banca Carige e IBM rafforzano la collaborazione per favorire la trasformazione dell’istituto di credito verso il digitale, grazie ad una maggiore efficienza dei sistemi informatici ed il miglioramento dei processi.
Frutto della partnership è la nascita di una Newco operativa dal 1° giugno – chiamata Dock Joined in Tech -, con sede a Genova e partecipata all’81% da IBM e al 19% da Banca Carige.
Guidata Paolo Sangalli in qualità di amministratore delegato, Dock è composta ad oggi da 173 professionisti, di cui 133 specialisti provenienti da Banca Carige e 40 da IBM; nuove assunzioni sono previste nell’ambito del programma di crescita, anche in collaborazione con l’Università di Ingegneria di Genova.

L’accordo ha una durata decennale e consolida la partnership già attiva tra le due aziende attraverso la realizzazione di un programma di digital transformation, che prevede la razionalizzazione dei costi per l’istituto ligure – uno tra i principali gruppi bancari italiani con 500 anni di attività, 519 filiali e oltre 1 milione di clienti – e il sostegno alle strategie di crescita e diversificazione della banca con soluzioni digitali avanzate e competitive.
La manovra si inserisce nel progetto di riorganizzazione già avviato da Banca Carige con il Piano Industriale 2017-2020, nell’ottica di razionalizzazione di tutti i settori del gruppo, semplificare l’ambiente IT e le applicazioni e garantire maggiore flessibilità verso la banca digitale.

Tecnologie innovative razionalizzano i processi

Il programma di trasformazione fa leva in modo particolare sull’introduzione di tecnologie innovative e l’utilizzo di metodologie come big data, analytics e strumenti cognitivi, con l’obiettivo di migliorare la competitività commerciale della banca. Le attività di Dock si concentreranno infatti su diverse aree chiave, per guidare l’innovazione e la competitività della banca, impostando un percorso basato sul concetto di “miglioramento continuo” che, in una logica di evoluzione progressiva e sostenibile, permetta di affrontare un contesto in costante cambiamento.
Gli interventi previsti porteranno a un’ottimizzazione dei costi, attraverso l’evoluzione dell’infrastruttura verso un modello “IT ibrido” e una progressiva migrazione di carichi di lavoro negli ambienti cloud; una trasformazione verso una “banca di nuova generazione”, agile nel rispondere al cliente, creativa e aperta a collaborazioni innovative nel settore; uno sviluppo e un’offerta di servizi innovativi attraverso l’automazione dei processi delle filiali, anche con l’utilizzo esteso della robotica e l’evoluzione delle competenze degli operatori; attenzione alla continuità operativa, alla sicurezza delle operazioni e alla conformità con l’ambiente normativo.

Enrico Cereda, Presidente e Amministratore Delegato di IBM Italia
Enrico Cereda, presidente e amministratore delegato di IBM Italia

“Con questa nuova alleanza – dichiara Enrico Cereda, presidente e amministratore delegato di IBM Italia – nasce un percorso che porta il settore bancario verso un futuro ricco di nuove competenze professionali e di opportunità oggi offerte dall’innovazione e dal progresso tecnologico. IBM Italia accompagna una delle più antiche Istituzioni finanziarie del Paese lungo la strada della trasformazione digitale”.

“La partnership con IBM – commenta Paolo Fiorentino, amministratore delegato di Banca Carige – rappresenta una svolta importante e un nuovo punto di partenza per Banca Carige. Con sempre maggiore energia potremo concentrarci sulla nostra attività tradizionale di banca commerciale e avvalerci di soluzioni più innovative, grazie alla capacità di investimento di IBM per lo sviluppo di nuove tecnologie. Questa partnership crea anche valore sul nostro territorio di riferimento e il nome scelto per la Newco, “Dock Joined in Tech”, mette insieme le diverse anime delle nostre aziende: dock, che richiama il legame di Genova e della Banca con il mare e con le attività produttive e di servizi ad esso collegate, si unisce alla tecnologia e al fintech per rinnovarsi e innovare, al passo coi tempi”.

Paolo Fiorentino, amministratore delegato, Banca Carige
Paolo Fiorentino, amministratore delegato, Banca Carige

A confermare l’importanza dell’allenza per il territorio, il Sindaco di Genova Marco Bucci, che dichiara: “Uno dei principali obiettivi di questa amministrazione è quello di riuscire a portare in città nuovi investitori che possano aiutare lo sviluppo dell’economia di Genova. Questa nuova collaborazione tra IBM e Banca Carige è l’esempio di partnership che può aiutare a far crescere le grandi realtà della nostra città. Spero che nuove aziende possano prendere esempio da IBM e scegliere Genova per nuovi investimenti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA