La Sanità Pubblica è un’organizzazione che “risponde” a bisogni contingenti di salute. Solo recentemente e in alcune regioni si è cominciato a parlare di programmazione della salute, in particolare in relazione alla crescente fascia di cittadini affetti da malattie croniche; attività come quelle di “presa in carico” o di “programmazione sanitaria” mirano a un miglior servizio ma anche, e forse soprattutto, a un migliore  controllo dei costi. La sensazione è che questa organizzazione non permetta oggi di promuovere la prevenzione in modo coerente.

Nel mondo degli utenti, d’altro canto, si fa strada pian piano l’idea che la prevenzione è l’arma migliore per mantenere la salute. L’avvento degli screening di massa, soprattutto in relazione alla prevenzione del cancro, ha cominciato a radicare questa idea, ma poiché l’organizzazione non la favorisce (la percentuale di spesa per la prevenzione non raggiunge il 5% della spesa complessiva per la sanità), e la prevenzione  è faticosa e ansiogena, è ancor oggi carente.

Il Premio eHealth4all

E’ dall’osservazione di questi fenomeni che è nata l’idea di un premio che andasse a focalizzare soprattutto l’area della prevenzione. Poiché gli organizzatori del premio eHealth4all (Club TI Milano, AICA, CDTI Roma) appartengono al mondo delle tecnologie ICT e  l’Information Technology ha sempre avuto un ruolo di razionalizzazione dei processi, l’obiettivo è stato di promuovere l’utilizzo delle tecnologie digitali per semplificare i processi, soprattutto dal punto di vista degli utenti. Coscienti anche che la semplificazione dei processi sanitari  porta benefici economici, e che un contenimento dei costi è necessario per la sopravvivenza del  nostro sistema universalistico.

Il premio eHealth4all è partito nel 2013, oggi è alla fine della terza edizione e in questo anni si è assistito a uno sviluppo formidabile delle applicazioni su smartphone, che hanno giocato un ruolo crescente anche in Sanità. Per questo il premio è stato testimone di molte iniziative, di cui alcune si sono radicate e sono oggi stabilmente affermate. Nel seguito, che ripercorre la storia del premio, qualche esempio.

Per garantirci di avere un impatto reale sui processi abbiamo organizzato il premio in modo che la valutazione fosse “su strada”, che quindi il progetto dovesse essere osservato nella sua evoluzione per un anno. Questo ci ha dimostrato che in un anno molte cose cambiano, alcuni progetti si sono ritirati, ma quelli che rimangono hanno una chance di incidere davvero nella sanità di domani.

Breve storia delle prime due edizioni

eHealth4all - Prime edizioni
eHealth4all – Prima edizione

Ripercorrendo brevemente la storia del premio eHealth4all, la prima edizione, conclusasi Il 9 giugno 2015, in un convegno molto seguito tenutosi in Expo 2015, ha proclamato vincitore “Training and food  game 4 all” di ASL Milano 2piattaforma disegnata da giovani per studenti e docenti di scuole superiori milanesi orientata alla promozione di stili di vita sani. In Expo 2015 sono stati assegnati anche il “Premio Innovazione” di Regione Lombardia a ASL Milano 1 per il progetto “Viaggia in salute”, e il Premio” Obiettivo salute” del Comune di Milano al progetto  “ADAPT” di Dedalus. 

Per alcuni progetti di questa edizione abbiamo avuto una vetrina recente, il 16 marzo 2019, all’evento organizzato da eHealth4all in Assintel in occasione della Digital Week Milano 2019. E’ stata presentata l’evoluzione ad oggi del progetto “Viaggia in salute”, l’App per la profilassi del viaggiatore internazionale, i cui dati di utilizzo dimostrano una migliore aderenza alla profilassi per i viaggiatori che ne fanno uso, e del progetto  “Healthmeeter” di Youco, ora evoluto nell’App per la prevenzione e il controllo della pressione arteriosa ESH Care, patrocinata dalle Società Italiana ed Europea per l’Ipertensione Arteriosa.

eHealth4all - Seconda edizione
eHealth4all – Seconda edizione

La seconda edizione ha coinvolto in qualità di co-organizzatori il CDTI – Club Dirigenti di Informatica di Roma. Snodandosi nel 2016, anno del Giubileo della Misericordia, il Premio ha voluto puntare alla salute dei cittadini più deboli che si trovano in tale stato per motivi motivi fisici (anziani, persone con disabilità, bambini), psicologici (depressione, disturbi dell’alimentazione, disturbi dell’area affettiva-sociale-delle dipendenze) e sociali (povertà, emigrazione, rifugiati).

Nella cerimonia di premiazione, il 15 giugno 2017 a Milano, alla presenza delle istituzioni nazionali e locali e del DG di Assolombarda, è stata incoronata applicazione digitale più efficace, “Infostranieri per la salute” di ATS Milano, un’App che fornisce informazioni su medici e strutture, incoraggia le vaccinazioni e permette di effettuare un self test su alcune patologie “di ritorno”, tra cui la TBC. Anche alcuni progetti della seconda edizione hanno raccontato la loro evoluzione in occasione della Digital Week 2018 e 2019: l’applicazione “Ultraspecialisti”, che propone una second opinion di alto livello on line, e permette quindi anche a chi vive in località periferiche di accedere ai migliori specialisti  e l’App SerenaMente Mamma, per limitare ansia e depressione pre e post natale, evoluzione del progetto “Benessere mamma”.

L’edizione eHealth4all in corso

eHealth4all - Edizione in corso
eHealth4all – Edizione in corso

Eccoci quindi alla terza edizione, dal tema: Prevenzione 4.0 – tecnologie e soluzioni per la salute di oggi e di domani. I progetti possono  indirizzare tutte le fasi della prevenzione, da quella di base, primaria (nutrizione, vaccinazioni, stili di vita,..), alla secondaria (screening,..) e terziaria (gestione e monitoraggio delle patologie, per limitare gli aggravamenti). Il focus del premio è come sempre rivolto al beneficio del paziente, quindi il concorso mantiene un approccio paziente-centrico. In questa nuova edizione però, oltre alla tradizionale attenzione alla misurabilità dell’efficacia dei progetti, che caratterizza il premio eHealth4all, si da particolare spazio a chi inventa o utilizza nuove tecnologie. Il 10 maggio 2018 si è svolta a Roma in Campidoglio la cerimonia di selezione dei finalisti del premio, alla presenza dell’assessore Marzano. Da allora è iniziata la fase di monitoraggio dei progetti, nel corso del quale sono stati condotti, dagli organizzatori e dal Comitato Scientifico, due momenti di verifica sull’avanzamento. A fine maggio è prevista la valutazione finale.

Uno sguardo ai progetti 2019

Gli otto progetti finalisti della terza edizione del Premio eHealth4all, che premia la migliore applicazione made in Italy per la prevenzione, sono molto vari: specchi che riconoscono gli aggravamenti delle malattie cardiovascolari e orologi che “rilevano” il parkinsonismo; rilevatori di inquinamento ambientale e sedie a rotelle intelligenti; programmi su milioni di persone che azzerano le ripetizioni di ricette ed altri per ottimizzare la presa in carico di un cittadino durante tutta la vita; software per una perfetta aderenza alle terapie e riabilitazione cardiologica a distanza. Il 6 giugno 2019, a Milano, questi progetti si contenderanno il premio eHealth4all. La cerimonia di premiazione si svolgerà in Assolombarda, all’interno dell’evento Prevenzione 4.0 – un salto di qualità. Nell’evento è prevista anche la consegna del premio DHS, a cura di AISIS, ed è prevista una discussione relativa alla prevenzione in chiave digitale, cui parteciperanno personalità della medicina, dell’ICT e dell’organizzazione sanitaria, anche in rappresentanza del Comitato Scientifico del premio. Ecco il programma.

Tutti i dettagli operativi sono sul sito www.ehealth4all.it, per iscriversi all’evento inviare una mail a clubti@assolombarda.it

A cura di Ornella Fouillouze – VP Club TI Milano

© RIPRODUZIONE RISERVATA