L’edizione 2018 di Hannover Messe segue la trasformazione dell’industria globale, riservando grande spazio alle tecnologie dedicate alla digitalizzazione della catena produttiva e all’efficienza ambientale.

Le soluzioni strettamente collegate a Industria 4.0 fanno da filo conduttore nei padiglioni della fiera tedesca, dove si approfondiscono i temi dell’intelligenza artificiale, della manutenzione predittiva, dell’economia industriale delle piattaforme, del rapporto uomo-lavoro e uomo-macchina, dell’interoperatività, della sicurezza.
Rilevante il tema dell’interconnessione, non solo sul piano tecnologico ma anche nei rapporti tra aziende, dove i confini tra un’attività e l’altra si sovrappongono, con i fornitori di automazione che diventano esperti di software e i vendor IT che stringono partnership con gruppi industriali.
“Industria 4.0 e interconnessione sono al centro dell’attenzione soprattutto di IAMD-Integrated Automation, Motion & Drives e di Digital Factory”, dichiara Arno Reich, Global Director IAMD e Digital Factory nel team di Hannover Messe.

Partnership e nuove soluzioni per Microsoft

Nella Digital Factory Hall Microsoft mostra i risultati di alcune collaborazioni e presenta le ultime soluzioni che ruotano attorno a machine learning, IoT, IA, mixed reality e robotica, tecnologie a supporto di una produzione industriale più efficiente e sostenibile applicate ai vari settori. Tra questi, l’agroalimentare riveste un ruolo di rilievo, supportato da storie di successo, come quella di Buhler che ha collaborato alla realizzazione di LumoVision, un sistema di differenziazione ottica basato su cloud e IoT di Microsoft che consente di migliorare i processi di lavaggio degli alimenti eliminando quasi il 90% dei cereali contaminati da aflatossine rispetto al 50% delle macchine tradizionali; Bayer, che ha sviluppato una strategia innovativa per la sicurezza alimentare con il proprio servizio remoto di monitoraggio dei roditori, grazie a sensori installati sulle trappole che avvertono in tempo reale gli specialisti della disinfestazione, che possono attivarsi con azioni mirate; Schneider che utilizzando le tecnologie Microsoft in ambito blockchain presenta nuovi strumenti di tracciabilità per il settore alimentare che migliorano il controllo dei prodotti; CNH Industrial che collabora con Microsoft a un progetto di trasformazione digitale a sostegno dei clienti dei brand agricoli Case IH e New Holland Agriculture e del marchio di veicoli commerciali Iveco con servizi tecnologici potenziati.

Bayer e Microsoft – Il sistema interconnesso di gestione dei parassiti

Nel settore industriale, BAE Systems e PTC creano insieme a Microsoft uno strumento di formazione che guida i tecnici nell’assemblaggio di batterie green, incrementando del 30/40% l’efficienza del processo di formazione. Schneider Electric e Aveva utilizzano Microsoft HoloLens per ottimizzare il processo manifatturiero di ItalPresse, creando prototipi virtuali per la costruzione dell’impianto. Tra le aziende manifatturiere che stanno facendo leva sulla realtà mista, Iconics ha dimostrato come un tecnico, indossando Microsoft HoloLens possa collaborare con un robot industriale visualizzando istruzioni e i principali indicatori di performance della fabbrica all’interno del proprio campo visivo. Toyota Material Handling Europe e Microsoft collaborano alla realizzazione della fabbrica del futuro, applicando l’intelligenza artificiale e la realtà mista ai sistemi industriali e robotici, un progetto che consente per esempio di addestrare i droni a collaborare con i tecnici mettendoli in grado di scoprire tempestivamente i malfunzionamenti degli impianti. La nuova piattaforma ABB Ability Ellipse, basata sull’intelligenza artificiale, permette alle organizzazioni di ottimizzare l’enterprise asset management grazie al rilevamento automatico delle anomalie.

Toyota Material Handling Europe e Microsoft collaborano alla fabbrica del futuro

Microsoft presenta anche le nuove funzionalità di Azure IoT: Automatic Discovery Service for Connected Factory per semplificare l’adozione e la protezione degli asset industriali. Azure IoT Hub e Device Management su Azure Stack; Azure IoT Hub è stato integrato in Azure Stack, consentendo a clienti e partner di creare soluzioni IoT industriali interamente operanti on-premise e di raccogliere e analizzare i dati in tempo reale localmente. Azure Sphere, la piattaforma olistica pensata per creare dispositivi MCU connessi che operino sull’intelligent edge, una classe completamente nuova di MCU con potenza cinque volte maggiore rispetto agli MCU tradizionali, un sistema operativo studiato per la sicurezza IoT e un servizio di sicurezza cloud chiavi in mano per la protezione dei dispositivi Azure Sphere. Azure Time Series Insights, un nuovo aggiornamento di TSI che offre nuove possibilità di archiviazione scalabile.

Fujitsu, demo avanzate replicano i processi

Con “Shaping Digital Transformation with Digital Co-creation” Fujitsu punta su AI, AR, blockchain di nuova generazione e networking intelligente per supportare l’industria ad ottimizzare la value chain. Il gruppo giapponese presenta le ultime innovazioni delle sue soluzioni di intelligently-connected smart manufacturing dedicate all’Industry 4.0, all’Industrial IoT e al futuro digitale dei trasporti.

Tramite l’uso di demo avanzate Fujitsu replica scenari di fabbrica completi di robot e nastri trasportatori per illustrare le modalità con le quali i concetti di Industry 4.0 vengono applicati ai processi di produzione. Alla base di questi processi, la piattaforma Fujitsu COLMINA e il cruscotto Fujitsu Intelligent Dashboard, il tool che consolida le viste dei dati critici e i risultati di smart analytics per realizzare reporting, allarme e previsione sulla base di metriche comprendenti qualità, produzione, energia o impianti.
La piattaforma mette in connessione tutte le informazioni del digital manufacturing, dalla progettazione alla produzione fino alla manutenzione, compresa la dislocazione di persone e prodotti, dettagli e output degli impianti di fabbrica, e tutti i dati generati attraverso il processo industriale così come nella supply chain. La soluzione è composta da Fujitsu Manufacturing Industry Solution COLMINA Service, una suite di servizi operativi per la produzione industriale; Fujitsu Manufacturing Industry Solution COLMINA Edge, che raccoglie ed elabora i dati rilevati dai sensori come quelli relativi al funzionamento dei macchinari, i segnali vitali delle persone e la disposizione dei prodotti; Fujitsu Manufacturing Industry Solution COLMINA Platform, che riunisce insieme COLMINA Service e COLMINA Edge.

Manufacturing Industry Solution COLMINA Platform di Fujitsu, che riunisce COLMINA Service e COLMINA Edge
Manufacturing Industry Solution COLMINA Platform di Fujitsu, che riunisce COLMINA Service e COLMINA Edge

Ad Hannover, COLMINA è stata installata presso lo stand di Deutsche Telekom con una dimostrazione di co-creazione sviluppata con T-Systems Multimedia Solutions. Nello stand SAP, Fujitsu è stata parte del progetto di co-creazione Open Integrated Factory, integrando INTELLIEDGE, il dispositivo Fujitsu per l’edge di rete, nell’ambito della dimostrazione SAP Digital Manufacturing.

Andreas Rohnfelder, responsabile del Fujitsu Industry 4.0 Competence Center
Andreas Rohnfelder, responsabile Fujitsu Industry 4.0 Competence Center

“Una delle più complete dimostrazioni di Industry 4.0 per far capire come le tecnologie avanzate come AI, AR e blockchain di nuova generazione stiano ridisegnando il settore industriale” spiega Andreas Rohnfelder, responsabile del Fujitsu Industry 4.0 Competence Center.
In particolare, Fujitsu ha mostrato come sia possibile implementare, con robot e linee di produzione, capacità di Advanced Condition Monitoring grazie ad algoritmi intelligenti e come una traccia di audit basata su blockchain di nuova generazione IOTA possa registrare automaticamente transazioni e dati di produzione in maniera conforme e pronta per la verifica all’interno di uno scenario dimostrativo di fabbrica; come sperimentare gli Head Mounted Display di Fujitsu e sperimentare come l’utilizzo della realtà aumentata aiuti l’assemblaggio o la presa di magazzino attraverso l’approccio “Pick by Show”; come l’industria possa utilizzare piattaforme come SAP Leonardo e Primeflex for Hadoop per dare vita a infrastrutture orientate al futuro che incorporino IoT, analytics e big data: demo Industry 4.0 di Fujitsu, comprensiva della appliance Fujitsu INTELLIEDGE che colma il divario dell’Industrial IoT tra OT (Operational Technology) e IT implementando l’edge computing, che permette di prendere decisioni intelligenti in base all’analisi dei dataset generati da sistemi e dispositivi presenti alla periferia della rete.

Presentate da Fujitsu anche le nuove soluzioni per il trasporto digitale e la creazione di sistemi di mobilità per le Smart City di domani. Tra queste, SPATIOWL, la piattaforma intelligente per i big data dedicata alla mobilità, a supporto della logistica per mezzo di analisi dei dati ed elaborazione delle immagini in tempo reale. Un veicolo dimostrativo con riprogrammazione OTA (over-the-air) del percorso che prende in considerazione le variazioni in tempo reale nelle condizioni del traffico. Ticketing digitale con selezione automatica del miglior prezzo per gli operatori del trasporto pubblico con la soluzione Fujitsu 1-ticket per passeggeri di mezzi pubblici su ogni distanza.

SPATIOWL, la piattaforma intelligente di Fujitsu per i big data dedicata alla mobilità
SPATIOWL, la piattaforma intelligente di Fujitsu per i big data dedicata alla mobilità

ABB, HPE e Rittal presentano SEDC

ABB, Hewlett Packard Enterprise e Rittal sfruttano la manifestazione tedesca per presentare il nuovo Secure Edge Data Center (SEDC) per gli ambienti industriali e delle Tlc. Disponibile in Europa dal prossimo mese di settembre, SEDC consente ai clienti di gestire l’IT di livello aziendale in prossimità dei loro ambienti operativi, delle loro macchine e attrezzature per consentire processi digitali a bassa latenza in sicurezza. Una soluzione data center “chiavi in mano” progettata per agevolare la digitalizzazione degli impianti industirali.
Il Secure Edge Data Center consente alle aziende di accedere ai dati critici, prendendo decisioni operative in tempo reale; si avvicina così le capacità IT alle postazioni di acquisizione dati con quelle del controllo delle macchine.

SEDC - Secure edge data center
SEDC – Secure Edge Data Center, soluzione presentata da ABB, HPE e Rittal 

SEDC semplifica l’implementazione di soluzioni IT di livello enterprise in ambienti industriali indipendentemente dalla loro ubicazione: è equipaggiata con un’infrastruttura HPE pre-configurata e può essere messa in funzione in 12 settimane. Un rivestimento classificato IP55 protegge fisicamente dall’umidità, dalla polvere e dallo sporco, con raffreddamento integrato e soppressione degli incendi da parte di Rittal e alimentazione ridondante da parte di ABB con alimentazione di backup. Scalabile ed espandibile a intervalli di 5, 10 e 20 kW per supportare l’aumento dei carichi di lavoro IT; la sua infrastruttura può essere monitorata e gestita a distanza in tutte le sedi dei clienti.

Volkhard Bregulla, vice president vendite globali, produzione, automotive e IoT, HPE
Volkhard Bregulla, vice president vendite globali, produzione, automotive e IoT, HPE

“Sempre più aziende si rendono conto che devono dotare le proprie macchine e impianti di intelligenza per acquisire valore dei loro dati industriali – afferma Volkhard Bregulla, vice president vendite globali, produzione, automotive e IoT, HPE –. Ciò richiede l’esecuzione di sistemi IT di livello aziendale a distanza ravvicinata dalle apparecchiature tecnologiche operative, creando informazioni utili e azioni automatiche in tempo reale “.

Andreas Keiger, executive vice president Global Business Unit IT di Rittal
Andreas Keiger, executive vice president Global Business Unit IT di Rittal

 

“Edge Computing richiede soluzioni IT che possono essere implementate rapidamente e in sicurezza. Con il SEDC, forniamo ai nostri clienti comuni una soluzione chiavi in ​​mano resiliente, scalabile e sicura per le esigenze dell’Internet of Things e di altri scenari a bassa latenza – dichiara Andreas Keiger, Executive vice president Global Business Unit IT di Rittal –. Questo ci dà una maggiore capacità di supporto alle aziende in modo rapido e con soluzioni complete per i data center, in linea con le loro esigenze”.

Ciarán Flanagan, responsabile segmento global data center ABB
Ciarán Flanagan, responsabile segmento global data center ABB

 

 

“ABB è consapevole che quando i clienti iniziano il loro processo verso nuovi servizi digitali e intraprendono iniziative come IoT e Industria 4.0, hanno bisogno di un’infrastruttura sicura e stabile – commenta Ciarán Flanagan, responsabile del segmento Global Data Center di ABB –. Il nostro Secure Edge Data Center fornisce loro queste funzionalità con una soluzione data center comprovata”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA