Il tema è ricorrente: l’impatto positivo della digitalizzazione sul business. Tema ormai caro anche alle piccole aziende che sembrano averlo introiettato: l’86% delle pmi italiane chiede alla tecnologia di collaborare in modalità digitale con clienti e fornitori, percependo l’impatto reale dell’innovazione.
Non è quindi un caso che l’evento annuale TalkS di TeamSystem per partner e clienti ha negli anni affinato il  proprio claim, dalla prima edizione di quattro anni fa battezzata Digital Transformation, a Save the change nel 2017,  a Digital is running nel 2018 fino all’attuale Paese delle meraviglie per l’edizione 2019.

Un crescendo che Federico Leproux, Ceo di TeamSystem, commenta con il giro d’affari dell’azienda, “cresciuto del 15% anno su anno con un fatturato di 150 milioni di euro – precisa -. La crescita del business cloud è stata del 250% rispetto allo scorso anno e vale oggi il 22% dei ricavi” rimarcando una forte presenza nel mondo del software non più solo solo come fornitore di Erp ma di una piattaforma as a service integrata, “uno spazio digitale con servizi – precisa -. Avevamo 1.300.000 clienti a fine febbraio 2019 contro i 300 del 2017″.

“Sono stati molto i fattori che hanno concorso a questa crescita – commenta -. La fatturazione elettronica costringe milioni di soggetti a fare i conti con la digitalizzazione e noi cerchiamo di cavalcarla, ma ci sono grandi opportunità legate alla richiesta di produttività, di collaborazione digitale tra aziende e professionisti, di nuove forme di accesso al credito che si concretizza nella proposta di TeamSystem Digital Finance “soggetta alle approvazioni degli organi competenti” che offrirà alle aziende medio piccole strumenti fino a poco tempo fa di esclusivo appannaggio di aziende più strutturate (“un pilot di un sistema di pagamento digitale partirà entro l’estate”).

Federico Leproux, Ceo di TeamSystem
Al centro Federico Leproux, Ceo di TeamSystem. A destra Stefano Roversi, responsabile del canale di TeamSystem

E-fattura spinge la Manifattura

La fatturazione elettronica diventa un elemento importante per tutta la Manifattura 4.0, in tutte la fasi di controllo, processo, produzione, ordini e approvvigionamento, “riguardando la digitalizzazione dall’inizio alla fine – precisa Leproux -. Non ci basta più essere software vendor ma vogliamo accompagnare i clienti nel ridisegnare i loro processi, un passaggio che implca la riqualificazione delle nostre competenze. Perché la trasformazione non è solo l’aggiunta di strumenti ma è rendere digitale tutto il processo di impresa”.

“La penetrazione della fatturazione elettronica sulla customer base è pari al 70% e questo ci lascia ancora margine di manovra – incalza Stefano Roversi, responsabile del canale di TeamSystem che ha un business in crescita del 16,6% anno su anno. Per quanto riguarda i fatturato cloud via canale questo pesa oggi il 9% ma obiettivo è di fare crescere  l’incidenza del cloud via canale del 20% entro il 2020, si dovrà lavorare non solo facendo upselling sulla base clienti ma anche su aree nuove. “Il processo verso il cloud dell’azienda è avviato” precisa Roversi, anche per le pmi. Oltre a AI e ML, allo studio anche la blockchain per il digital manufacturing e il digital finance per nuovi moduli, “anche se oggi non c’è ancora blockchain integrata”.

Digitale e pmi

Secondo uno studio Nielsen, commissionato da TeamSystem, che ha analizzato in dettaglio l’approccio delle aziende in Italia verso il tema della trasformazione digitale, la collaborazione digitale con clienti e fornitori e la gestione elettronica di ordini e pagamenti sono tra i benefici apportati da digitale e e-fattura.

I dati dicono che le pmi italiane confidano nel digitale per poter collaborare con fornitori e clienti (86%), in particolare per ordini elettronici (79%), gestire pagamenti (80%), avere immediato accesso alle informazioni sullo stato dei pagamenti dei clienti (86%), visualizzare lo stato di evasione degli ordini (83%). Il cloud è per 72% delle imprese importante, in particolare per accedere ai dati in qualsiasi momento e da qualsiasi device (38%) e per la sicurezza nella gestione dei dati (27%). Rimangono di fatto prioritari i temi della sicurezza e della privacy (80%), con l’81% delle aziende che ha investito in sicurezza negli ultimi due anni e il 62% che lo farà ancora in futuro. Sicuramente il Gdpr ha fatto da sprono: si sono attivate quasi la totalità delle imprese (94%) e il 67% dichiara di essere già adeguata, mentre il 27% di essere in fase di adeguamento.

Federico Leproux, CEO di TeamSystem
Federico Leproux, CEO di TeamSystem

“C’è la consapevolezza diffusa che il digitale stia funzionando e che innovare il processo passando al digitale porti con sé un salto di qualità significativo, in grado di rendere l’azienda più competitiva attraverso la leva tecnologica – conclude Leprox -. Con il digitale è possibile rendere i processi più semplici e controllati, ridurre errori, raccogliere molte più informazioni, lavorare in modo integrato, collaborando in modo più sinergico con tutta la filiera, dai clienti ai fornitori, passando per i partner. Tuttavia, la trasformazione digitale sarà veramente efficace se valorizzerà pienamente il talento e le potenzialità delle persone”.

Quasi una pmi su tre (28%) esprime come principale esigenza legata al digitale quella di poter operare con un maggior controllo dei propri processi. Rimane strategica (per il 19% delle aziende) anche la ricerca di maggiore integrazione e collaborazione tra le diverse funzioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA