La discussione sulla digitalizzazione del paese non può subire battute d’arresto, soprattutto alla luce dei dati emersi dai vari Osservatori europei, che ci posizionano sempre tra gli ultimi.  “Il digitale è un problema molto serio per il nostro paese ed è fondamentale un progetto sistemico che presuppone diverse iniziative” sostiene Giancarlo Capitani, presidente di NetConsulting cube, sottolineando come digitale e innovazione siano due concetti che si muovono in simbiosi nei programmi dei governi europei e che è necessario lo siano anche in Italia.

Sei punti su cui il governo deve tenere alta l’attenzione per recuperare un ritardo accumulato negli anni (Indice Desi 2018 ), anche nelle competenze (Osservatorio Competenze Digitali 2018, presentato in settimana), con la richiesta da più parti di tavoli di lavoro congiunti sul digitale (come avanzato a Roma negli scorsi giorni). “L’approccio degli ultimi due governi è stato più sul risparmio dei costi, oggi dovremmo aumentare le risorse da investire sui progetti di digitalizzazione” precisa Capitani in ottica di maggiori investimenti.

Nella videointervista (che inaugura il canale YouTube di Inno3),  le proposte del professore Capitani che toccano ministeri, risorse finanziarie, pubblica amministrazione locale e centrale, AgID (“direttore in scadenza”), Impresa 4.0 (“con attenzione ai servizi”), servizi digitali per cittadini e imprese (“gratuiti”), usabilità dei servizi della PA. L’ultimo consiglio, l’invito alla semplificazione dei processi.

Vademecum in 6 priorità, racchiuso  in 4 minuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA