Fare evolvere le aziende verso l’Industria 4.0 è l’impegno del tessile italiano, oggi sinonimo del connubio fra storica tradizione artigianale e innovazione.

Un mondo nel quale i processi di digitalizzazione aiutano le aziende ad accrescere la loro competitività e salvaguardare l’eccellenza del made in Italy e della produzione, sui mercati nazionali e internazionali.

Il contributo che l’ingresso della tecnologia può dare in questo processo è infatti lo strumento e condizione necessaria per avere un più rapido time to market e una produzione in tempo reale. 

Un cambiamento senza precedenti per le aziende, che alcune hanno avviato con benefici già visibili, altre si trovano ad inseguire, pena l’estinzione.

Cotonificio Albini, attenzione all’innovazione

Tra le realtà che adottano il modello di trasformazione verso la smart factory, Cotonificio Albini rappresenta un esempio emblematico. Nata nel bergamasco come azienda familiare e con oltre 140 anni di esperienza in ambito tessile, l’azienda conta 4 stabilimenti in Italia e altri in Egitto e Repubblica Ceca, oltre 1.300 dipendenti e rappresenta oggi il maggior produttore europeo di tessuti per camicia.

Un’eccellenza del made in Italy da sempre attenta all’innovazione e alla cultura della qualità, che gestisce un ampio portfolio di asset distribuiti a livello globale.

Cotonificio Albini - tessitura
Cotonificio Albini – produzione di tessuti per camicia

E’ per supportare la gestione di questi processi che Cotonificio Albini avvia una collaborazione con Infor per l’adozione delle sue soluzioni, e con il partner Know-How per la relativa implementazione.

Non avendo un sistema informatico per il controllo della gestione degli asset, l’azienda si affida in particolare alla soluzione Infor CloudSuite Eem per disporre di una piattaforma globale e unificata con una grafica comune per controllare i costi di manutenzione, gli acquisti e il consumo dei componenti di ricambio.

Infor unifica la gestione dei processi

Con l’obiettivo di implementare un sistema che gestisca in modo coerente le attività di manutenzione degli stabilimenti, sia a livello locale che infragruppo, Cotonificio Albini  individua una soluzione che unifica le attività e ottimizza il lavoro svolto da tutto il personale, migliorandone le performance.

La scelta ricade in particolare su Infor CloudSuite Eam che supporta l’azienda tessile a digitalizzare la gestione degli asset aziendali.  

Cotonificio Albini - la famiglia alla dirigenza
Cotonificio Albini – la famiglia di dirigenti – da sinistra, Stefano, Silvio, Andrea e Fabio Albini

“Avevamo la necessità di implementare un sistema che gestisse in modo coerente le attività di manutenzione nei nostri stabilimenti, sia a livello locale che infragruppo – dichiara Andrea Albini, direttore tecnico, Cotonificio Albini -. La soluzione di Infor ci permette di unificare le attività e ottimizzare il lavoro svolto da tutto il nostro personale, migliorandone le performance”.

La messa in funzione della soluzione prevede tre fasi, con il go live iniziale nel corso del primo trimestre del 2020 in tre stabilimenti in provincia di Bergamo, due ad Albino e uno a Gandino, a cui seguono lo stabilimento di Brebbia, in provincia di Varese, e Tessitura di Mottola, in provincia di Taranto, per finire con le sedi estere in Egitto e Repubblica Ceca.

Produzione, nuovi livelli di efficienza

La soluzione software ottimizza oggi le operazioni di manutenzione per raggiungere nuovi livelli di efficienza e permette di analizzare in maniera critica i principali processi manutentivi e altri processi operativi, per identificare modalità più efficienti ed efficaci di operare. L’elevata configurabilità della soluzione garantisce inoltre massima scalabilità, in ottica evolutiva.

Cotonificio Albini implementa oggi una serie di moduli relativi ad una serie di processi interni, che vanno dalla richiesta dell’ordine di lavoro a seguito della segnalazione di un guasto, alla pianificazione degli interventi di lavoro per gli addetti alla manutenzione, ai processi di approvvigionamento e consumo dei materiali di ricambio e alle attività legate all’inventario fisico, fino ai trasferimenti intramagazzini e a specifiche abilitazioni utente-magazzino.

Viene anche realizzato un processo customizzato per Cotonificio Albini relativamente alle scadenze dei lotti di magazzino per la gestione dei prodotti di laboratorio.

Bruno Pagani - Infor
Bruno Pagani, country sales manager, Infor

Registriamo un interesse crescente nelle soluzioni di enterprise asset management per ottimizzare la gestione degli asset ed essere competitivi e vincenti sul mercato – commenta Bruno Pagani, country sales manager, Infor -. Cotonificio Albini è una realtà che ha compreso l’importanza di investire in funzionalità digitali e in innovazione per mantenere la posizione di leader nel settore, industrializzando l’efficienza degli impianti produttivi e arrivando così anche a un’ottimizzazione del ciclo di vita dei propri assets che si traduce in impatto positivo sul cash flow dell’azienda”.

 “La partnership con Infor ci permette di offrire al mercato una tecnologia innovativa e specifica per le esigenze dei settori verticali che, unita alla nostra esperienza nel mercato, consente alle aziende clienti di ottenere benefici e raggiungere risultati concreti per ottimizzare le attività di business”, afferma Claudio Montanari, ceo, Know-How.

© RIPRODUZIONE RISERVATA