CAREL prosegue il proprio percorso di digital transformation confermando la vocazione innovativa. La società, che progetta, produce e commercializza soluzioni di controllo per il settore del condizionamento, refrigerazione e umidificazione dell’aria, investe difatti ogni anno in attività di ricerca e sviluppo circa il 6% del fatturato consolidato, che nell’ultimo bilancio 2017 ha raggiunto i 255,4 milioni di euro registrando una crescita del +10,6% sul 2016.
Con 7 impianti industriali e 6.000 clienti attivi a livello mondiale, il gruppo padovano realizza l’80% delle vendite all’estero, dove dispone di una rete commerciale articolata e dove negli ultimi anni è in fase espansiva, come conferma la recente apertura di un nuovo stabilimento in Croazia.
Proprio questa nuova apertura, cono la conseguente necessità di predisporre un nuovo data center locale, è all’origine dell’accordo siglato da CAREL con Nutanix, che ha previsto il contestuale rinnovamento dei sistemi informativi di tutte le sedi.
Un progetto che grazie all’iperconvergenza sostenuta dall’implementazione di Nutanix ha visto la sua concretizzazione presso lo stabilimento croato e che nel giro di un anno è stato replicato in Italia e successivamente in tutte le sedi.

Nuovo approccio iperconvergente

Ridurre i costi di un approccio tradizionale, garantire business continuity al nuovo impianto, e superare problemi di scalabilità, erano gli obiettivi da raggiungere; si richiedeva infatti una soluzione distribuita poiché ogni fabbrica era dotata di data center locali con soluzioni IT diverse.
La soluzione implementata è oggi basata su due cluster presso la sede italiana di Brugine: un primo cluster risiede presso il data center principale destinato a supportare il 100% di tutti i carichi di lavoro aziendali, un secondo presso il sito di Disaster Recovery con l’obiettivo di aumentare la resilienza e la continuità di servizi dei workload più critici. 
Nelle filiali estere sono invece state installate delle server room basate sulla soluzione Nutanix RoBO (remote office branch office).

Gianluca Nardin, Information Technology Manager, ICT Technology Dept. di CAREL
Gianluca Nardin, Information Technology Manager, ICT Technology Dept. di CAREL

“Per evitare i costi eccessivi derivanti da un approccio tradizionale basato su data center locali che avrebbe comportato problemi di scalabilità, si è deciso di procedere con un paradigma innovativo – commenta Gianluca Nardin, Information Technology Manager, ICT Technology Dept. di CAREL – consolidando le varie tecnologie dei data center e adottando un approccio iperconvergente. In altri termini, la strategia è stata quella di slegarsi dal concetto del data center fisico per abbracciare una nuova visione di data center distribuito”.

“I vantaggi maggiori li abbiamo verificati, oltre che nella soddisfazione degli utenti, nel miglioramento delle performance degli ambienti di sviluppo e di Disaster Recovery, in precedenza fortemente penalizzati e poco sfruttati – dichiara Alberto Filisetti, Country Manager di Nutanix Italia-. Tutto questo, unito alla semplicità e ai conseguenti risparmi ottenuti nella gestione dell’infrastruttura”.

Progetto da replicare

Sulla base dei risultati ottenuti sino ad oggi con le implementazioni realizzate con Nutanix, CAREL decide di estendere il progetto anche in altri stabilimenti del Gruppo. Nel medio-lungo periodo CAREL si dedicherà inoltre a diversi sviluppi strategici, che comprendono l’utilizzo di ciascun data center remoto come sito di Disaster Recovery per altri data center. Dopo la realizzazione e il test approfondito di un PoC, CAREL implementerà l’hypervisor di Nutanix e, come ha in parte già fatto, abbraccerà il paradigma Cloud.

Alberto Filisetti, Country Manager Italia, Nutanix
Alberto Filisetti, Country Manager Italia, Nutanix

“Siamo molto orgogliosi di aver portato a termine in modo positivo questo importante progetto – commenta Alberto Filisetti, Country Manager di Nutanix Italia -. I benefici ottenuti da CAREL sono evidenti, sia in termini di capacità computazionale che di velocità di implementazione e gestione semplificata; questo testimonia anche che, indipendentemente dalle dimensioni o dal settore di appartenenza, le aziende possono contare su Nutanix per potenziare ed evolvere le proprie infrastrutture IT”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA