Nelle aziende proliferano le piattaforme di collaborazione e per la condivisione, entrambe accolte spesso con diffidenza dalle risorse umane, per una serie di motivi: sono difficili da implementare e poi da utilizzare, non rispondono alle diverse esigenze, non tengono conto dei processi, oppure semplicemente non sono supportate e non sono utilizzabili con le risorse IT già disponibili.

Così accade che a fronte di app e delle molteplici possibilità di connessione, le sale conferenze risultano abbandonate, vuote, e si preferisce l’improvvisazione.

Intel ha lavorato a questo aspetto e con Intel Unite propone una piattaforma aperta, in grado di dare vita a un vero e proprio ecosistema dedicato alla collaboration.

Intel Unite, come favorire l’incontro    

La soluzione permette di favorire l’incontro tra le persone in azienda e con soggetti esterni e offrire condivisione di contenuti, senza fili, ma anche condivisione di display a partire da ambienti e risorse tecnologiche disomogenei (per esempio per sistema operativo) però già utilizzate dai dipendenti e dagli ospiti, ovunque ci si trovi.

Significa che gli utenti possono partecipare agli incontri, condividere file e dare parola ai singoli relatori gestendo con un clic i collegamenti con il supporto fino a quattro schermi.

Alla base della proposta c’è un computer che funge da hub, basato su piattaforma Intel vPro e un sistema software per i client ed eventualmente il server. 

Intel Unite, l'Hub
Intel Unite, l’Hub

Intel Unite può poi essere gestita anche da remoto con un qualsiasi altro PC che fa parte della dotazione aziendale. Per questo si può dire che la soluzione funziona con la tecnologia esistente. A fronte di un minimo di spesa, permette poi di collegare i principali dispositivi di lavoro, ma anche condividere contenuti che restano protetti grazie alla crittografia SSL a 256 bit.

Con i plug-in già esistenti disponibili su Intel Unite App Showcase si possono ulteriormente integrare strumenti e funzionalità già utilizzati come per esempio Skype for Business, Zoom, ma anche lavagne virtuali e altri dispositivi ancora.

Ogni Pc o dispositivo aziendale, attraverso cui si vuole partecipare a un incontro, semplicemente deve sfruttare il software Intel Unite eseguibile su tutti i più utilizzati sistemi operativi – Windows 7, 8.1, Windows 10, OS X di Apple, ma anche i dispositivi Android e i tablet iOS.

Nelle installazioni aziendali, invece, con Intel Unite per server, l’amministratore avrà a disposizione un portale Web per la creazione e la gestione da remoto dei profili e la configurazione degli hub.

Intel Unite, l'architettura per le sale conferenza
Intel Unite, l’architettura per le sale conferenza

In un ideale progetto di comunicazione condivisa, tutti gli utenti che sfruttano Intel Unite possono accedere alle riunioni con un clic (anche senza PIN di ingresso) condividere video HD e audio dai propri PC, visualizzare i contenuti condivisi sui propri tablet, anche senza dover condividere l’accesso alla rete aziendale agli ospiti.

E’ facile immaginare alcuni ambiti di utilizzo. In ambito Enterprise per esempio con il team connesso senza fili i partecipanti beneficiano della disponibilità dei materiali per seguire la riunione e il tema, direttamente sul proprio dispositivo.

Non mancano i casi d’uso in specifiche verticalità alle quali la soluzione si adatta, nel settore alberghiero, ma anche nell’ambito dell’assistenza sanitaria, così come in ambito education. In questo caso Intel Unite si innesta come supporto alle lezioni, anche in aule immersive, ancora meglio dove sono disponibili strumenti di apprendimento attivo, e nel medicale permette più facilmente tra medici la condivisione di ogni tipologia di documento e ovviamente di esperienza.

Intel Unite si integra anche con il software e l’hardware già in dotazione. In ambito e-health invece Intel Unite permette ai medici di condividere senza fili, in sicurezza le informazioni digitali su schermo sia quando si è nella struttura, sia quando si lavora da remoto.

Intel Unite, i vantaggi

La maggior parte delle soluzioni di collaborazione richiede costi di licenza ricorrenti, l’intervento di un esperto IT per l’avvio, oppure semplicemente – in un determinato momento – permette ad una sola persona di essere parte attiva dell’incontro.

Intel Unite invece oltre a supportare tutti i device più utilizzati, senza costi aggiuntivi, si distingue per una serie di caratteristiche.

Sui documenti condivisi i relatori possono apportare in fase di presentazione le marcature necessarie per richiamare l’attenzione, ed è favorita la successione e l’alternarsi degli interventi perché tutti gli strumenti sono disponibili a tutti, nello stesso momento.    

Intel Unite, Mentre si lavora è possibile condividere anche graficamente le osservazioni puntuali con le Live Annotations

Lato utente, la programmazione delle riunioni, dopo lo scheduling in Outlook, non richiederà altro che la volontà di accedere con un clic, mentre implementazioni particolari possono portare addirittura a concedere l’accesso semplicemente con la registrazione del badge nello spazio di incontro.

Infine, Intel Unite non richiede la presenza in loco di una persona che gestisca permessi e accessi e offre accurati analytics sull’utilizzo della room.

Non perdere tutti gli approfondimenti della Room Intel-ligente

© RIPRODUZIONE RISERVATA