Comdata e Network Contacts si sono aggiudicate in Rti (Raggruppamento temporaneo di imprese) la gara per la fornitura e la gestione dei servizi del contact center a favore di Inps-Equitalia. Il bando di gara è stato indetto da Inps-Equitalia nel 2017 per selezionare il miglior partner per l’esternalizzazione dei servizi di contact center dell’ente previdenziale. La gara è partita con una base d’asta di 150 milioni di euro. 

Significa che Comdata Group e Network Contacts saranno responsabili della gestione del contact center dell’Istituto di previdenza per i prossimi due anni, con opzione di estensione anche per un ulteriore anno.

La nuova commessa permetterà di rafforzare l’implementazione del piano industriale avviato da Gruppo Comdata per la crescita, lo sviluppo e l’espansione dei territori presso cui opera.

Massimo Canturi, Ceo di Comdata Group
Massimo Canturi, Ceo di Comdata Group

Per Network Contacts – azienda di Molfetta che fa parte del gruppo Activa – significherà lavorare all’opportuno adeguamento infrastrutturale e all’integrazione di soluzioni fino alla fornitura del servizio e alla gestione delle interazioni multicanale. 

Comdata Group (50 mila dipendenti in 22 nazioni per circa un miliardo di euro di fatturato) opera dal 1987 nella fornitura di servizi di gestione legati all’interazione con il cliente e fornisce servizi di integrazione dei processi.

Secondo il bando di gara ora garantirà all’Istituto il servizio di contatto con il cittadino attraverso la realizzazione e la gestione dell’infrastruttura tecnologica. Massimo Canturi, Ceo di Comdata Group, così commenta: “L’assegnazione della gara premia l’efficienza delle soluzioni del Gruppo combinata con le capacità organizzative e gestionali”.

Lelio Borgherese, presidente e AD Networks Contacts

Gli fa eco Lelio Borgherese, presidente e AD di Network Contacts: “La commessa rappresenta un’opportunità importante per incidere nel sistema-Paese, ammodernando un segmento cruciale della PA e portando innovazione tangibile, in grado di ricostruire i legami di fiducia tra Stato e cittadini”.

Network Contacts (3500 professionisti e sedi sparse per l’Italia a Roma, Firenze e Milano, oltre che a Molfetta) è pronta inoltre a cogliere l’opportunità di consolidare il proprio piano industriale, e investire in ricerca e sviluppo negli ambiti in cui Network Contacts già lavora tra cui big data e intelligenza artificiale

L’Inps potrà disporre di un contact center multicanale, innovativo, e di servizio che sarà adibito alla gestione delle richieste utente.

Tra le sfide quella relativa all’armonizzazione dei servizi offerti dall’Istituto con i regolamenti e le normative complesse e le risorse tecnologiche nel rispetto dell’applicazione delle clausole sociali di salvaguardia per il mantenimento dei livelli occupazionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA