Riuscire a portare e mantenere gestibili i workload dei secondary data sul cloud, sia esso pubblico, sia esso ibrido, grazie alla possibilità di un’integrazione nativa. E’ questo il primo beneficio della proposta di Cohesity che offre Cohesity DataPlatform per farlo in modo semplice ed efficace.

Non solo, del tutto integrata con essa, Cohesity propone Cohesity DataProtect una soluzione per il backup e il ripristino dei dati end-to-end in modo da fornire protezione ai dati stessi. Cohesity DataProtect abilita la convergenza di tutte le infrastrutture al servizio dei dati proprio sulla DataPlatform, quindi anche target storage, backup, replica, disaster recovery e tiering in cloud. Con Cohesity DataProtect si dispone quindi di punti di ripristino granulari, in tempi minimi, quasi istantanei, con una riduzione dei costi di protezione fino al 50%.   

La maggior parte delle aziende inizia il proprio viaggio di trasformazione pensando a come superare il problema della frammentazione dei dati, chiedendo comunque sempre che restino protetti, ma in modo semplificato.

Vuole che i dati di backup e i dati non strutturati siano sempre produttivi e forniscano informazioni “vive” per accelerare lo sviluppo delle applicazioni e a supporto del business. La disponibilità di una piattaforma unica permette di ripristinare istantaneamente le applicazioni creando ed eseguendo il clone di backup di una macchina virtuale direttamente dalla piattaforma. 

E’ l’ambito operativo dell’architettura flessibile DataPlatform che, come elemento caratterizzante, mostra la facilità di espansione a casi d’uso aggiuntivi, incrementando la semplicità operativa, con relativo risparmio di costi.

Cohesity DataPlatform

Poiché parliamo di una proposta software, DataPlatform funziona in modo altrettanto efficiente on-premise su piattaforme come quelle proposte da Cisco, HPE, Dell o di iperconvergenza di Cohesity, allo stesso modo come nel cloud pubblico. E’ il punto chiave. 

Il cloud nei prossimi due anni è previsto in crescita ancora a doppia cifra, il rischio di trovarsi a generare nuovi silos di archiviazione dei dati secondari è reale, e porterebbe ad un aumento di costi e complessità.

Cohesity con DataPlatform offre un singolo modello operativo coerente, sulla scorta di un’interfaccia semplice ed accessibile per assecondare i benefici delle scelte strategiche di cloud ibrido sia per i dati secondari, sia per le applicazioni.

I vantaggi di Cohesity DataPlatform
I vantaggi di Cohesity DataPlatform

DataPlatform mostra buone caratteristiche di flessibilità, resilienza, ma soprattutto asseconda la sfida delle esigenze di Web scaling on-demand degli hyperscaler come Google e Aws; sfida che rappresenta anche uno dei benefici delle proposte di public cloud. Si capisce bene come la possibilità di riuscire a far convergere i secondary data su una singola piattaforma sia impagabile.

In una fase di crescita della mole di informazioni, un’unica piattaforma per i dati si rivela funzionale sia nelle scelte di storage classico, come in quelle di storage a oggetti, senza limitazioni. E il cliente paga solo in base a quanto cresce. 

Cohesity DataPlatform, pronta per il cloud

Parliamo quindi di una DataPlatform effettivamente cloud-ready, sia per quanto riguarda la mobilità dei dati e delle applicazioni sia per quanto riguarda la continuità operativa indipendentemente da dove si trovano i dati.

In modo da poter sfruttare l’elasticità e l’economicità del cloud pubblico, grazie alla possibilità di automatizzare i flussi basati su policy di archiviazione, tiering e replica delle informazioni in cloud. Quindi è possibile anche spostare macchine virtuali in cloud temporaneamente e riportarle on-premise mantenendo il massimo del controllo da un unico punto.  

Cohesity DataPlatform Cloud Edition nello specifico si propone come strumento efficace nel consolidamento dei sistemi di testing e sviluppo, disaster recovery, backup nativo in cloud, indipendentemente dalla scelta su Aws, Azure o Google Cloud.

In questo modo non solo si semplificano tutte le operazioni sui secondary data e le applicazioni agendo sempre sulla stessa interfaccia utente, ma si riesce anche ad ottimizzare l’efficienza delle risorse storage, lavorando al sicuro perché i dati sono crittografati in software, sia in cloud sia durante le fasi di replica.

Cohesiti DataPlatform Cloud Edition
Cohesiti DataPlatform Cloud Edition

Invece di dover gestire diverse applicazioni di backup a seconda degli ambienti, media server e target, Cohesity con la sua DataPlatform e la proposta DataPlatform Cloud Edition offre un’unica soluzione in grado di consolidare tutto l’ambiente di backup, aperta all’utilizzo anche per altre applicazioni legate al secondary storage nel futuro.

Muovere i backup delle VM da e per il cloud degli hyperscaler da un’unica piattaforma, mantenendo integra la possibilità di valorizzazione del dato è una possibilità concreta.

Non perdere tutti gli approfondimenti della Room Data&Apps – La sfida del secondary storage

Per saperne di più scarica la guida Hyperconverged Secondary Storage

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA