Tra le prime realtà di e-commerce della Rete, eBay è ancora oggi tra i mercati online più grandi e dinamici e, nonostante la concorrenza di Amazon, è ancora profittevole. Nel tempo meritano di essere ricordate le acquisizioni storiche di Paypal, come consociata, interamente controllata da eBay, e ancora quella di Skype nel 2005, rivenduta poi a Microsoft nel 2011 per 8,5 miliardi di dollari.

Oggi eBay collega milioni di venditori e di acquirenti sfruttando la sua piattaforma di vendita che conta 1,5 miliardi di inserzioni attive. Nata come sito per consentire soprattutto lo scambio di oggetti usati messi all’asta al miglior offerente, oggi l’81% dei prodotti venduti sono nuovi e oltre il 91% di quelli venduti lo è a prezzo fisso.

L’unico tentativo di avvicinare il modello di vendita a quello di Amazon è però fallito, di fatto, 12 anni fa. Nel 2006, eBay ha aperto il nuovo sito eBay Express, progettato per funzionare come un normale sito di acquisti su Internet per i consumatori, inizialmente solo per coloro che dispone di un recapito negli Usa. Alcuni articoli eBay venivano riprodotti su eBay Express, dove gli acquirenti utilizzavano un tradizionale carrello della spesa digitale per poter acquistare da più venditori. Poi è stata estesa la possibilità ai membri di eBay nel 2006, ma già all’inizio del 2008 eBay ha annunciato l’intenzione di chiudere il sito e di fatto nel 2008 il progetto si è concluso.

In Italia, l’azienda conta circa 5 milioni di acquirenti attivi, ed è popolata dalle offerte di 35mila venditori professionali, per 100 milioni di nuovi prodotti in vendita.
Questo mese ricorre il 25esimo compleanno per la community di eBay che è nata dall’iniziativa del programmatore Pierre Omiydar nel 1995.

Alice Acciarri, General Manager eBay in Italia e Spagna
Alice Acciarri, General Manager eBay in Italia e Spagna

Tante delle caratteristiche attuali sono frutto dei suggerimenti e delle esperienze vissute dalla community nel tempo.

Lo sforzo per offrire una piattaforma sicura, aperta a tutti e continuamente rinnovata per rispondere al meglio a nuove esigenze e trend di acquisto, in questi anni è servita anche come sostegno all’economia locale, ed è cresciuta l’attenzione per la sostenibilità e l’inclusione sociale considerati valori sociali alla base del business di eBay.

Per esempio, solo in Italia la piattaforma è stata utilizzata da 35mila piccole e medie imprese che hanno deciso di affacciarsi all’e-commerce in questo modo.

L’azienda, durante il periodo di emergenza e lockdown, ha facilitato ulteriormente l’ingresso sulla propria piattaforma alle Pmi in Italia e nel mondo con agevolazioni e promozioni per sostenere l’economia locale.

Alice Acciarri, General Manager eBay in Italia e Spagna 
di fresca nomina ha commentato: “Sono entusiasta di essere entrata in eBay in un anno così importante per la storia dell’azienda. 25 anni rappresentano un traguardo significativo che conferma il nostro contributo continuo per la crescita dell’economia in tutti i mercati in cui siamo presenti e il nostro impegno a promuovere i valori che hanno fatto crescere eBay e la sua community in questi anni. La piattaforma si è affermata come un punto di riferimento per acquirenti e venditori in tutto il mondo, una community aperta a tutti, inclusiva, che favorisce l’imprenditorialità e la digitalizzazione nei territori in cui opera”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA