La capacità di sviluppare applicazioni software in tempi brevi e con strumenti agile impatta sui processi di trasformazione digitale delle aziende. Nessuno sviluppa più in tempi biblici, ma la capacità di mettere a terra un’idea in pochi mesi fa spesso la differenza per Cio e Cxo che decidono di innovare.

Rajen Sheth, analista di Forrester Consulting

Una ricerca recente condotta da Forrester Consulting per conto di Appian mette a fuoco le modalità con le quali le imprese sviluppano, evidenziando che le aziende ingaggiate in processi complessi di trasformazione spingono per adottare piattaforme di sviluppo low-code. Più la complessità dell’azienda è evidente, più le aziende si rivolgono alle piattaforme agile per lo sviluppo di applicazioni che accelerano la trasformazione, riducono la mole di lavoro dei reparti IT e migliorano la collaborazione tra le varie linee di business.

La ricerca di Forrester – che ha coinvolto 254 responsabili IT e business decision maker negli Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Australia – valuta aspettative e esperienze già in atto con le piattaforme di sviluppo low-code, per applicazioni di livello enterprise.
“La ricerca conferma che il low-code permette di superare gli ostacoli più difficili e mette in atto i processi di trasformazione digitale in maniera ottimale
– commenta John Rymer, Principal Analyst di Forrester -. I dati dimostrato che il 100% delle imprese, che hanno oggi adottato il low-code, hanno raggiunto risultati significativi in termini di ritorno sugli investimenti dalla loro adozione della piattaforma low-code”.

Percentuali e numeri

Tre sono le evidenze indirizzate dalla ricerca, secondo la quale il low-code permette di migliorare la velocità di sviluppo, in rispondenza alle policy aziendali e alla gestione delle richieste critiche. “Il low-code accelera lo sviluppo anche in ambiti critici continua Rymer -. L’84% delle imprese enterprise ha già adottato una piattaforma o uno strumento di sviluppo low-code. Queste aziende stanno migliorando le capacità IT già esistenti, innovando prodotti e servizi, diventando al contempo sempre più agili e favorendo una maggiore velocità nelle attività commerciali“.

Fonte: A commissioned study conducted by Forrester Consulting on behalf of Appian, December 2018
Fonte: A commissioned study conducted by Forrester Consulting on behalf of Appian, December 2018

Le piattaforme low-code, inoltre, soddisfano i requisiti più rigorosi per controllo continuo e certificazioni di sicurezza sempre più richieste a livello enterprise e la loro adozione stravolge il modo calssico di pensare e programmare. “Molte aziende utilizzano oggi il custom code per creare applicazioni che gestiscono logiche di business complesse, ma il futuro implementeranno il low-code per eseguire applicazioni critiche per il business”. Da custom code a low-code.

Il ruolo dello sviluppatore

Da una parte le aziende sono sotto pressione perchè devono trovare efficienza nei processi, nella tecnologia e nella capacità di rispondere agli obiettivi dettati dalla trasformazione digitale. Dall’altra gli sviluppatoritradizionali” fanno fatica a fornire all’azienda ciò di cui ha bisogno in tempi rapidi e in sicurezza.
“La sicurezza è di fatto per il 59% degli intervistati la sfida principale, seguita dalla necessità di sviluppare in tempi rapidi per riprogettare i processi aziendali – continua l’analista -. I migliori driver sono il miglioramento delle capacità IT esistenti, l’innovazione dei prodotti con la migliore esperienza del cliente, tutti elementi che spingono per accelerare le modalità di sviluppo, che richiedono  nuove competenze e talenti, in tempi in cui i budget per nuove risorse sono risicati. L’automazione diventa così un tassello importante del nuovo approccio che migliora il Roi”.

Fonte: A commissioned study conducted by Forrester Consulting on behalf of Appian, December 2018
Fonte: A commissioned study conducted by Forrester Consulting on behalf of Appian, December 2018

Tra le diverse priorità da valutare per la scelta della piattaforma low-code, anche il supporto alle più recenti tecnologie, tendendo presente che l’approccio è diverso da azienda a azienda.  Secondo la ricerca “con la giusta piattaforma low-code le aziende non solo possono sviluppare e fornire applicazioni critiche più velocemente e su vasta scala, ma possono anche acquisire una comprensione più profonda dei risultati di business legati alla loro trasformazione digitale complessiva“.
I tempi per mettere a terra la trasformazione devono essere di alcuni mesi, non si parla più di anni. “Le piattaforme low-code non sono tutte uguali –  afferma Malcolm Ross, VP Product Marketing di Appian proprio per l’impatto sul business delle applicazioni. La nostra piattaforma promette la creazione e l’implementazione di un’applicazione di livello enterprise in sole otto settimane.I tempi ridotti di sviluppo rimangono per Forrester uno dei pillar da valutare per la scelta corretta.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA