Software AG di recente è entrata a far parte del quadrante magico di Gartner come visionaria, per quanto riguarda le piattaforme Iiot (Industrial IoT). Ora stringe una partnership strategica globale con Deutsche Telekom per rafforzare la propria presenza sul mercato.

Nello specifico T-Systems, gruppo Deutsche Telekom, amplierà la propria offerta Cloud of Things sfruttando la piattaforma Software AG Cumulocity IoT

T-Systems si sta focalizzando su soluzioni specifiche per consentire alle aziende di scalare in modo rapido rispetto al passato. Per esempio la sua proposta di piattaforma IoT è stata scelta da Iss (oltre 400mila impiegati nel mondo) specializzata nell’ambito Smart Building Management per il controllo del condizionamento, della movimentazione degli ascensori, il controllo dell’occupazione delle stanze.

Le aziende che abbracciano le tecnologie legate a Internet of Things spesso intravvedono i benefici di un utilizzo intensivo di sensori e soluzioni ma non riescono effettivamente a capitalizzare gli sforzi. Ed è corretto trovare il significato della partnership nell’indirizzo di questi bisogni. 

A sinistra Sanjay Brahmawar, Ceo Software AG, e a destra Adel Al-Saleh, Ceo di T-Systems

Adel Al-Saleh, Ceo di T-Systems e board member di Deutsche Telekom, spiega l’approccio specifico della sua azienda su questo specifico punto: “Noi vogliamo sviluppare le potenzialità di una piattaforma IoT in orizzontale lasciando ai clienti la possibilità di scegliere i componenti che vogliono utilizzare, con aperta la via per utilizzarne altri. Il punto di forza però è l’integrazione. Non è possibile pensare di dover spendere mesi di sviluppo per innestare le potenzialità di IoT nei processi, bisogna poterlo fare in settimane, in questo modo i proof of concept diventano economici e mettere a terra il valore delle soluzioni è più facile”.

L’attuale partnership vede la collaborazione di due aziende di tecnologia tedesche che guidano diversi percorsi di digitalizzazione in Germania. Al-Saleh sottolinea a questo proposito la condivisione con Software AG dell’approccio customer e partner centrico, come fattore differenziante. Nella roadmap di T-Systems è prevista l’integrazione di piattaforma customer base con Cumulocity IoT di Software AG entro l’ultimo trimestre di quest’anno.

L’architettura connessa di Cumulocity verrà quindi utilizzata da T-Systems come nuova base per la propria piattaforma IoT integrata Cloud of Things. Con questo nome si indica la struttura portante in grado di supportare una gamma di applicazioni mission-critical per i clienti, anche quelli più piccoli che pensano di scalare, magari in un secondo momento.

Con Cloud of Things le aziende possono gestire e monitorare macchinari e dispositivi, mentre la piattaforma raccoglie informazioni che servono ad incrementare la sicurezza e l’efficienza complessiva dei sistemi. 

Cloud of Things funzionerà all’interno di un ambiente multi-cloud con possibilità di scalare rapidamente insieme alla domanda dei clienti e nuove funzionalità per esempio di streaming analytics e microservizi e il supporto di più protocolli. 

Prosegue Al-Saleh: “La tecnologia di Software AG è fondamentale per consentirci di ampliare un servizio già apprezzato che introduce nuove funzionalità, e permette a noi di raggiungere nuovi settori, con la fiducia necessaria”.

Sanjay Brahmawar, Ceo Software AG

Nella strategia di Deutsche Telekom e T-Systems c’è la volontà di servire un mercato globale più ampio e soprattutto più diversificato. I miglioramenti permetteranno di sfruttare le nuove caratteristiche della piattaforma integrata, e di entrare in ambiti nuovi come la smart home.

Per Software AG infine si tratta di un nuovo modo di collaborare con il partner Deutsche Telekom che abilita la possibilità di offrire soluzioni IoT end-to-end.

Chiude Sanjay Brahmawar, Ceo Software AG: “Con Deutsche Telekom la piattaforma diventa più competitiva, i clienti semplificano beneficiano di una più facile integrazione con l’analytics self-service e acquisiscono informazioni utili per accelerare il business”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA