A luglio del 2018 Broadcom è entrata nel mercato del software enterprise con l’acquisizione a sorpresa di CA Technologies (18,9 miliardi di dollari), poi a distanza di un anno ha assestato un altro colpo preparandosi ad acquisire Symantec, con un’operazione andata in porto e conclusa solo all’inizio di novembre nel 2019, a seguito dell’offerta di circa 10,7 miliardi di dollari per la parte enterprise del business di Symantec.

E’ ancora nell’ambito della sicurezza l’ultima mossa di Broadcom e cioè l’acquisizione di Bay Dynamics. L’operazione si lega alla precedente. Spieghiamo: Bay Dynamics è una società software specializzata nell’analisi dei rischi. Fondata nel 2001, l’azienda, secondo fonti autorevoli, è valutata intorno ai 100 milioni di dollari, non si conoscono invece i dettagli dell’accordo con Broadcom. Il punto però è che già due anni prima dell’acquisizione di Symantec da parte di Broadcom, Symantec strinse un’importante partnership con Bay Dynamics proprio per lo sviluppo di Risk Fabric Platform e l’integrazione nelle soluzioni Dlp (Data Loss Prevention) di Symantec. 

E’ quindi ben definito l’ambito operativo di questa azienda. Bay Dynamics interessa a Broadcom per le sue tecnologie di analisi dei modelli di comportamento umano, per rilevare ed evitare attacchi mirati in ambito finanziario.

Gartner inserisce l’azienda tra le realtà che competono nel mercato dei software di sicurezza Ueba (User and Entity Behavior Analytics). Si tratta di soluzioni che, sulla base di comportamenti umani considerati legittimi, applicano algoritmi e statistiche per rilevare anomalie rispetto ai modelli.

Broadcom Ceo Hock Tan
Broadcom Ceo Hock Tan

La piattaforma di Bay Dynamics indirizza diversi bisogni. Sia perché permette di identificare le minacce alle informazioni protette in azienda, sia per quanto riguarda le possibili minacce dall’esterno.

Un punto di forza della proposta è inoltre la possibilità di facile integrazione con l’offerta di sicurezza infrastrutturale e di gestione delle identità, tra cui quelle di Forcepoint, McAfee, ovviamente la stessa Symantec, ma anche Vmware Carbon Black, ArcSight, Atlassian. Tra i clienti di Bay Dynamics figurano o hanno figurato nomi come Comcast, Nbc, e il gruppo di investimento Ubs.   

Le mosse di Broadcom sono oggi da leggere ancora nel solco della trasformazione in atto. La sua strategia di diversificazione è da collegare direttamente all’evoluzione nel mercato dei semiconduttori (con la vendita dei chip per l’iPhone di Apple in calo, rispetto agli anni precedenti), come alle guerre commerciali in atto tra Usa e Cina (il divieto di vendita dei chip a Huawei per esempio).

Nell’ultimo trimestre invece i ricavi della componente software sono cresciuti del 134% anno su anno. I risultati di Broadcom come attore nell’ambito del software enterprise e della cybersecurity sembrano portare frutto. Fino a un miliardo è valutata la riduzione dei costi per le sinergie possibili.

Nel prossimo anno fiscale Broadcom si attende un incremento del fatturato complessivo di oltre il 10% anno su anno. E secondo gli analisti gli utili potrebbero crescere poco meno del 9% su base annua e a questo potrebbe contribuire anche un’ulteriore evoluzione del mercato dei chip.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA