Non si placa la voglia di acquisizioni di Broadcom, il produttore di semiconduttori che ha nel mirino altre aziende americane per consolidare la propria presenza nel mercato Tech in una strategia di diversificazione. E questa è la volta di Symantec, per 15 miliardi di dollari, una acquisizione che dovrebbe ufficializzarsi nelle prossime settimane, resa nota da Bloomberg.

Broadcom entra così nel mercato dei software di antivirus, della cybersecurity, dopo che lo scorso anno aveva messo un piede nel mercato del software di fascia enterprise per mainframe con l’acquisizione di CA Technologies (per 18,9 miliardi di dollari) e che, prima ancora, aveva tentato la scalata ostile (per 19 miliardi di dollari) a Qualcomm, competitor nel mercato di riferimento, quello dei chip. Una mossa quest’ultima bloccata definitivamente a marzo 2018 dall’amministrazione Trump, per timori di sicurezza nazionale, avendo Qualcomm forti legami nel mercato asiatico (controllata dal 2015 da Avago Technologies, realtà legata a Singapore).

Broadcom Symantec
Gli headquarter di Broadcom a San Josè e di Symantec a Montain View

Entrambe californiane, Broadcom ha headquarter a San Josè, Symantec poco lontano a Mountain View. Una Symantec indebolita negli anni, con un turnover preoccupante del management (il Ceo Greg Clark dimissionario a maggio), business in declino (disattese le stime del fatturato) in un mercato affollato dai vendor di cybersecurity che stanno crescendo spinti dai nuovi trend legati a cloud, minacce crescenti, compliance alle normative.

In due anni Symantec ha perso un terzo del valore, un declino che il neo Ceo, Richard Hill, avrebbe dovuto invertire per rispondere a un Cda sotto pressione del fondo attivista Starboard Value, dallo scorso settembre con il fiato sul collo del management. In corso anche un’indagine, da parte della Securities Exchange Commission, per le pratiche di audit interne a Symantec (ma anche Broadcom non scherza, oggetto di un’indagine antitrust della Commissione Europea).

La mossa Broadcom-Symantec ricorda quella di Intel che si era comprata McAfee nel 2011 (per 7,68 miliardi di dollari) per poi decidere di cederne il 51% cinque anni fa a TPG Capital e Thoma Bravo. Symantec solo nel 2017 era valutata 21 miliardi di dollari, oggi 15, mentre Broadcom ha un fatturato atteso per l’intero anno fiscale 2019 – dichiarato da Ceo Hock Tan prima delle ultime mosse – di 22,5 miliardi di dollari, al di sotto delle stime di inizio anno (25,4)

Se l’acquisizione dovesse andare in porto Broadcom si potrebbe concentrare sul parco clienti di Symantec, una dote di 350mila aziende e 50 milioni di utenti, così come dopo l’acquisizione di CA Technologies la decisione era stata di mantenere il focus solo sui grandi clienti mainframe a portafoglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA