Non ha perso tempo Broadcom dopo che è fallita l’acquisizione Qualcomm, bloccata dal decreto Trump. Oggi Broadcom rilancia con una nuova acquisizione: per 18,9 miliardi vuole prendersi CA Technologies, impegnandosi a comprare le azioni di CA al prezzo di 44,50 dollari l’una, un valore del 20% più alto di quanto stimato dalla borsa nella giornata di ieri, 11 luglio.

Diversifica Broadcom, produttore di semiconduttori, che va a integrare la sua offerta con il software di CA Technologies, indirizzato al mercato enterprise, tradizionalmente legato al mondo mainframe ma che guarda a cloud, sicurezza, business intelligence, DevOps e Agile management. Un’azienda che ha fatturato 4,25 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2018 chiusosi a marzo, con un business a livello mondiale in crescita 5% rispetto al 2017.

Non mancano i soldi nel portafoglio di Broadcom: per la rivale Qualcomm l’offerta (naufragata) era di 117 miliardi di dollari, una cifra record. Ma anche per CA Technologies non scherza, disposta a versare il 20% in più del suo valore. Diversificando i business Broadcom entrerebbe in un mercato software che vale 200 miliardi di dollari e che traina i processi di trasformazione digitale di industria e mercati, nella logica software defined con il software al centro.

L’acquisizione – resa nota dalla stessa CA Technologies attraverso un comunicato – verrà completata entro il quarto trimestre dell’anno, mesi in cui si lavorerà oltre che sull’aspetto finanziario anche sul mettere a fuoco meglio la strategia futura, al momento difficile da leggere in ottica di integrazione.
CA Technologies è già in pista per definire i contenuti e i keynote del prossimo CA World 2018, che si terrà a Miami a metà novembre. Potrebbe essere il primo palco mondiale per un anticipo di futuro.

Sede Broadcom e CA Technologies
Sede Broadcom e CA Technologies
© RIPRODUZIONE RISERVATA