Proteggere i dati, garantire la sicurezza, assicurare la possibilità di sfruttare i digital enabler chiave come l’AI e gli analytics sui dati, ma soprattutto aiutare le aziende e le organizzazioni, sia pubbliche sia private, ad affrontare i progetti di trasformazione digitale sfruttando nel modo migliore il cloud computing. E’ sulla base di questi pilastri che OvhCloud e Capgemini annunciano di aver stretto una partnership a livello globale che combina i vantaggi offerti dalle soluzioni cloud Ovh di nuova generazione con l’esperienza di Capgemini in modo da consentire alle aziende di costruire un’infrastruttura cloud basata sulla sicurezza.

L’alleanza poggia sulla relazione di lunga data delle due aziende in Francia, ma il suo respiro ora è decisamente più ampio, di livello europeo, appunto, e si innesta all’interno delle iniziative in corso per assicurare la piena sovranità sui dati alle realtà dell’Unione (Gaia-X), come previsto all’interno del progetto europeo sull’infrastruttura e i servizi cloud in fase di lancio proprio nel corso del 2021, uno tra i tanti Important Projects of Common European Interest (Ipcei).

Capgemini e OvhCloud quindi collaboreranno con l’offerta di un set unico di servizi e competenze per i servizi infrastrutturali di cloud sicuro, sia in public, che in private e hybrid cloud. Si tratta di promuovere il software open source e di sfruttare gli standard previsti da Gaia-X per consentire poi ai clienti un’effettiva interoperabilità, la portabilità necessaria negli scenari multicloud, potendo contare sul pieno controllo delle infrastrutture, delle applicazioni e dei dati, in modo trasparente.

Michel Paulin, chief executive officer, OVH
Michel Paulin, chief executive officer, OvhCloud

“]…[L’obiettivo è fornire alle organizzazioni pubbliche e private soluzioni cloud comuni e affidabili che assicurino la protezione dei dati e la privacy in conformità con il Gdpr. – spiega Michel Paulin, Ceo di OvhCloudLa sinergia tra le due società consentirà di rispondere ai requisiti di sicurezza, interoperabilità e trasparenza di tutti i tipi di organizzazioni in modo efficiente e adattato, facilitando il loro viaggio verso il cloud”.
In particolare la partnership permetterà lo sviluppo di “spazi dati europei” con la collaborazione di attori pubblici e privati.

La partnership prevede inoltre la collaborazione delle due aziende per la riduzione dell’impatto ambientale e quindi un utilizzo dei servizi cloud che sia sostenibile.

Aiman Ezzat, Ceo di Capgemini
Aiman Ezzat, Ceo di Capgemini

Si tratta di ottimizzare l’utilizzo delle risorse sulla base delle effettive esigenze dei clienti, con la promozione di una supply chain efficiente dal punto di vista energetico, e quindi un’accurata gestione dei cicli di vita delle infrastrutture hardware abbinato ad un mix attento nella scelta delle fonti energetiche, questo per raggiungere l’obiettivo di impianti carbon neutral.

Capgemini porterà la sua esperienza nel mercato globale del cloud e nel bouquet delle tecnologie offerte OvhCloud sarà presente con le sue soluzioni OvhCloud Open Trusted Cloud, SecNumCloudAiman ​​Ezzat, Ceo del Gruppo Capgemini: “Combinando l’esperienza di Capgemini in materia di sicurezza informatica e sovranità dei dati, con la visione di Ovhcloud per il futuro dell’infrastruttura cloud, possiamo offrire ai clienti la velocità e l’agilità di cui hanno bisogno per raggiungere i loro obiettivi di trasformazione del cloud”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA