Lo spostamento delle aziende verso il cloud, fortemente accelerato dalla pandemia che costringe al lavoro da remoto, aumenta enormemente i rischi alla sicurezza delle aziende. La superficie di attacco si amplia e le minacce si fanno più insidiose, sfruttando spesso le imprudenze degli utenti. Fondamentale quindi oggi per le organizzazioni migliorare le difese informatiche. Un monito valido in special modo per le impese che nello svolgimento delle proprie attività si trovano a dover trattare una grande mole di dati sensibili.

È il caso di Aubay Italia, l’azienda che utilizzando soluzioni evolute e di telefonia mobile, accompagna i processi di digitalizzazione di imprese appartenenti in larga parte al settore bancario, finanziario e assicurativo. Contesti nei quali l’innovazione entra in modo preponderante nella client experience per rispondere ad esigenze di velocità e semplicità nel fornire servizi distintivi e personalizzati.

Oggi infatti il digitale incide molto sulle modalità di interazione con la clientela evolvendo verso un modello di omnicanalità integrata dove gli strumenti digitali rivestono un ruolo centrale e i modelli di servizio sono sempre più flessibili e dinamici. Per questo, Aubay propone un processo e un supporto completo in tutte le molteplici fasi del processo di trasformazione delle imprese.

Aubay Italia - Soluzioni per lo sviluppo del business dei clienti
Aubay Italia – Soluzioni per lo sviluppo del business dei clienti

F-Secure, alleata nella cybersecurity

Svolgendo attività di consulenza e di system integration, Aubay Italia si inserisce tra le prime 10 aziende italiane di servizi nel settore IT. Come parte gruppo francese quotato alla Borsa di Parigi, l’azienda contribuisce al business globale con oltre 2.000 dipendenti e un fatturato in costante crescita, che si attesta nel 2019 a 108,3 milioni di euro.
La sua infrastruttura è costituita da oltre 2.000 pc e 500 server virtuali al servizio dei dipendenti distribuiti su 11 sedi in Italia. Lo staff IT si compone di 7 persone divise su Torino, Milano e Roma; 2 di loro sono dedicate alla sicurezza.

Con l’obiettivo di rafforzare la protezione degli endpoint aziendali e le misure di sicurezza dei propri lavoratori da remoto, proteggendo al contempo i dati dei clienti, Aubay Italia consolida l’alleanza con F-Secure.

Piergiuseppe Delfino, Cio e Ciso Aubay Italia
Piergiuseppe Delfino, Cio e Ciso Aubay Italia

Il team IT collabora infatti con F-Secure dal 2018, quando Aubay Italia decide di dotarsi di licenze F-Secure Protection Service for Business per proteggere la propria infrastruttura di rete e gli endpoint aziendali, dove transitano i dati sensibili. “La soluzione di F-Secure permette di avere un’interfaccia user-friendly sia su pc per l’utente finale, che su server per gli amministratori di sistema, con la dashboard in cloud – dichiarava allora Piergiuseppe Delfino, Cio e Ciso Aubay Italia -. E anche per la parte smart-devices stiamo inserendo la suite F-Secure Mobile Security, poiché la connettività in movimento è l’evoluzione naturale di quanto avviene sul mercato”.

Protezione allineata allo scenario

Con il diffondersi della pandemia e il passaggio al lavoro da remoto di tutti i dipendenti, Aubay Italia si trova nel febbraio scorso a dover rafforzare celermente la sicurezza degli endpoint. Contemporaneamente, essendo un’azienda certificata Iso 27001, decide di valutare nuove soluzioni di sicurezza per potenziare ulteriormente la protezione degli asset.

Aubay acquista allora 850 licenze F-Secure PSB. La nuova dotazione di sicurezza protegge oggi il 50% dei pc aziendali dei dipendenti che lavorano da casa. Il processo di implementazione è estremamente rapido, con il deployment di tutte le licenze  gestito in una sola settimana. Viene inviata una comunicazione ai dipendenti che provvedono ad installare la licenza in autonomia. Su 850 client installati il numero di problemi si attesta sotto l’1% e gli utenti possono operare fin da subito in sicurezza, senza criticità, rallentamenti o impedimenti.

PSB mette in protezione anche i server di Aubay, che sono tutti ospitati nelle sedi dell’azienda, che non ha nessun servizio in outsourcing o in cloud. Nell’ottica di mantenere la certificazione Iso 27001 e di innalzare sempre più il livello di sicurezza dei propri sistemi, dopo un test, l’azienda acquista anche ulteriori 128 licenze F-Secure Radar, che consentono di individuare e risolvere le vulnerabilità in modo automatizzato prima che vengano sfruttate. “F-Secure Radar è stato scelto come parte del percorso di crescita nella sicurezza informatica che ogni anno Aubay si prefigge. Il prodotto si è rivelato un valido alleato. È uno strumento semiautomatico che fa bene il suo lavoro, alleggerendo il carico dello staff IT”, commenta Delfino.

Sicurezza proattiva

Grazie all’implementazione delle nuove soluzioni, il patrimonio informativo di Aubay è messo in sicurezza. I dati dei clienti, le proposte economiche dell’azienda, le informazioni protette da Nda che transitano sugli endpoint e nei sistemi sono infatti protetti da PSB, che agisce in modo proattivo. I continui aggiornamenti dei client e dei database e un patch management automatizzato alleggeriscono inoltre Aubay da ogni attività di manutenzione, azzerando i tempi necessari e liberando risorse.

F-Secure Protection Service for Business
F-Secure Protection Service for Business e Radar

“Grazie ai meccanismi di protezione avanzati che la soluzione PSB è in grado di offrire, abbiamo aumentato non solo il livello di sicurezza ma anche di controllo degli aggiornamenti critici dei sistemi operativi. F-Secure è sufficientemente leggero, per cui lascia le nostre strutture indenni da inutili appesantimenti sulle CPU, pur garantendo il massimo livello di affidabilità ed efficacia. La facilità di implementazione e la sua versatilità nella customizzazione delle policy lo rende un prodotto ben progettato e aggiornato in tema di prevenzione”, conclude Delfino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA