Invitalia e Microsoft stringono un accordo finalizzato alla trasformazione digitale dell’agenzia nazionale per lo sviluppo. Il protocollo d’intesa, che porta la firma di Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia, e di Silvia Candiani, amministratore delegato di Microsoft Italia, ha l’obiettivo di semplificare i processi interni e migliorare la qualità e la rapidità dei servizi per la concessione degli incentivi alle imprese. Invitalia può oggi avvalersi della consulenza di Microsoft per rinnovare la propria infrastruttura tecnologica e adottare nuove tecnologie di cloud computing e intelligenza artificiale per ottimizzare l’iter di valutazione ed erogazione dei finanziamenti all’insegna di una maggiore rapidità e sicurezza.
L’obiettivo è permettere agli utenti di interagire più facilmente con la piattaforma IT dell’agenzia per richiedere le agevolazioni, conoscere in tempo reale lo status della propria domanda di finanziamento – ad esempio attraverso app dedicate – e per partecipare agli eventi nei quali Invitalia orienta i potenziali beneficiari e spiega il funzionamento degli incentivi.
Una maggiore attenzione alla gestione e analisi di big data consente inoltre a Invitalia un’elaborazione più efficace delle informazioni e una maggiore proattività nell’individuare i target più adatti ai singoli incentivi.

Nel Digital Lab si incrociano le competenze

Nell’ambito del protocollo d’intesa, Invitalia e Microsoft creano insieme un Digital Lab, un centro di competenza per realizzare su cloud una piattaforma utile per l’Agenzia per svolgere azione di scouting sui territori ed eseguire analisi capaci di valutare la qualità e l’impatto delle misure adottate. A tal fine Microsoft mette a disposizione i propri esperti e digital advisor per definire le strategie necessarie a sviluppare nuovi servizi, avviare test tecnici e creare progetti pilota. Contestualmente i tecnici di Invitalia hanno la possibilità di frequentare percorsi di formazione professionale e vivere delle full immersion nel mondo della tecnologia nei centri Microsoft di Bruxelles, Redmond e Milano.
Invitalia avrà inoltre la possibilità di sfruttare soluzioni di collaborazione, sistemi gestionali e CRM come Microsoft 365 e Dynamics 365 e di far leva sulla piattaforma Cloud Microsoft Azure, beneficiando dei tool di analisi, degli strumenti di machine learning e delle funzionalità di artificial Intelligence integrate, con il vantaggio di godere di un’infrastruttura scalabile per gestire in modo flessibile i picchi legati alle campagne per gli incentivi, come già accaduto nel caso di Resto al Sud, l’incentivo per i giovani del Mezzogiorno che vogliono mettersi in proprio.

Resto al sud, progetto di Invitalia
Resto al sud, progetto di Invitalia
© RIPRODUZIONE RISERVATA