L’Assemblea degli azionisti di Consip ha approvato il Bilancio 2018 dell’azienda, partecipata 100% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Il risultato economico evidenzia:

Cristiano Cannarsa, amministratore delegato di Consip
Cristiano Cannarsa, amministratore delegato di Consip

L’utile conseguito è stato destinato per 2,2 milioni di euro alle entrate del Bilancio dello Stato – come previsto dalla Legge di Stabilità 2016 (art. 1 comma 506) – e per 3,6 milioni di euro a riserva disponibile.

Il risultato operativo segnala la crescita di tutti gli indicatori fondamentali:

  • il valore degli acquisti effettuati dalla PA attraverso gli strumenti Consip è pari a 12,5 miliardi di euro (+31% vs 2017)
  • il risparmio messo a disposizione delle PA ha raggiunto 3,1 miliardi di euro (+18% vs 2017)
  • l’indice di gradimento – l’incidenza degli acquisti delle PA su strumenti Consip rispetto al totale – è pari al 31% (+28% vs 2017), ovvero 1 euro su 3 passa attraverso Consip
  • il valore delle gare bandite è di 8,9 miliardi di euro (+31% vs 2017), mentre il valore delle gare aggiudicate è di 6,4 miliardi di euro (+49% vs 2017)
  • il numero di gare bandite di importo superiore alla soglia comunitaria è pari a 83 (+20% vs 2017), mentre il numero di gare aggiudicate (sopra soglia) è 74 (+28% vs 2017).

A inizio mese Consip ha presentato – con il supporto di Sogei – un sistema di georeferenziazione per consultare sul proprio sito, attraverso mappe interattive, i principali dati sugli acquisti effettuati con gli strumenti del Programma di razionalizzazione della spesa (gestito da Consip per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanze). Consultando le mappe si potrà conoscere il valore dei contratti conclusi dalle amministrazioni sui differenti strumenti (Mepa, Convenzioni, Accordi Quadro e Sistema Dinamico di Acquisto), in una qualsiasi regione o provincia, oppure avere la vista d’insieme dell’andamento su tutto il territorio nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA