Il mondo delle app sta dando oggi un forte e indispensabile contributo nella gestione dell’emergenza e della graduale ripresa delle attività. Tra queste, Matipay, supporta i proprietari e gestori di 50.000 distributori automatici a non sospendere il servizio erogato ai propri dipendenti. Matteo Pertosa, Founder di Matipay, racconta in un’intervista il percorso della sturtup del FinTech nel mondo dei pagamenti digitali come first mover al mondo ad aver realizzato una soluzione, in continua evoluzione.

Come nasce l’idea alla base di Matipay e con quale offerta si propone sul mercato?

Nel 2013 ho cambiato i distributori automatici in Sitael, l’azienda in cui lavoro. Mi è capitato spesso di perdere la chiavetta e, se la macchina non era in grado di restituirmi le monete in più che avevo inserito per prendere un caffè, dovevo rincorrere il gestore per settimane prima di riuscire a farmi riaccreditare quanto dovuto. Ho capito lì che il servizio aveva dei margini di miglioramento e ho cominciato a lavorare all’idea di Matipay. Ho immaginato che tutto potesse essere risolto trasformando la chiavetta in un’applicazione mobile dedicata. Di lì, ho contattato una manager dell’azienda che effettuava da noi il servizio di gestione delle vending machine, e l’ho convinta a darmi fiducia. Ho quindi sviluppato questo progetto in una nuova Business Unit di Sitael, una delle aziende del Gruppo Angel.

Matteo Pertosa, Founder MatiPay
Matteo Pertosa, Founder Matipay

Matipay è una FinTech attiva nel settore dei pagamenti che consente di sostituire l’attuale chiavetta fisica per usufruire di prodotti acquistabili dai distributori automatici, con un wallet digitale. Con questa idea ho partecipato al CES Innovation Award 2019 di Las Vegas nella categoria piattaforme di pagamento, vincendo. E sempre nel 2019 ho convinto Neva FinVentures, il veicolo specializzato in startup di Banca Intesa Sanpaolo, ad investire 7 milioni di euro in questa Business Unit. Ecco com’è nata Matipay.

Ho poi coinvolto la manager con cui tutto era iniziato, che nel frattempo aveva lasciato la precedente azienda, a collaborare con me e adesso lavoriamo insieme in Matipay. La nostra mission è riuscire a supportare i proprietari e gestori dei distributori automatici nel percorso di trasformazione digitale. E posso affermare, che ci stiamo riuscendo.

Quali sono gli elementi distintivi di Matipay? Quali le principali referenze?

Matipay abilita i pagamenti in mobilità ai distributori automatici attraverso un wallet virtuale installato sullo smartphone degli utilizzatori e ricaricabile sia con i contanti, da inserire nei distributori, sia attraverso carta di credito.

Il primo plus della nostra proposition concerne la possibilità di raggiungere anche clienti non bancarizzati – i più giovani, ad esempio, che non possiedono ancora una carta di credito. La tecnologia alla base di Matipay, applicata ai distributori automatici e combinata con la piattaforma di intelligenza artificiale e un gestionale dedicato, è in grado di potenziare il volume di affari dei gestori che operano nell’industria delle vending machine e di offrire ai clienti finali nuovi servizi come il pagamento di beni digitali attraverso i contanti.

Secondo fattore distintivo dell’offerta è quello di essere stata sviluppata per tutte le piattaforme mobile, per cui il sistema alla base di Matipay può essere facilmente integrato a distributori automatici pronti da installare o già in uso.

Matipay è oggi in corso di installazione su circa 50.000 distributori automatici. Siamo first mover, i primi al mondo ad aver realizzato una soluzione, in continua evoluzione, che consente al consumatore di creare un wallet digitale per realizzare i propri acquisti presso le vending machine. In generale, possiamo affermare di essere leader su questo mercato: il prodotto funziona bene e la soddisfazione del cliente è elevata.

In questo periodo di emergenza sanitaria ed economica, quali pensi siano i possibili impatti sul comparto FinTech in generale, e sul mondo dei pagamenti nello specifico? Avete pensato ad una strategia per supportare le aziende italiane durante la ripresa post-lockdown?

Tanti distributori automatici a inizio fase 2 sono stati spenti e resi indisponibili ai dipendenti perché per le aziende risulta complesso gestire il traffico che si genera nei loro pressi. Ci sono responsabilità penali ed è un problema per tutti.

All’interno della nostra applicazione abbiamo quindi integrato una nuova funzionalità, gratuita per tutti i nostri clienti, che permette di gestire in totale trasparenza e serenità un meccanismo di prenotazione che aiuti ad evitare assembramenti nelle salette dedicate alla pausa caffè. Attraverso Take 5, la nuova funzionalità, Matipay consente agli utenti di prenotare velocemente la propria pausa al distributore tramite app e alle aziende di adeguarsi alle disposizioni Inail, garantendo al contempo sicurezza e i servizi di ristoro. Il sistema di prenotazione e gestione dei turni si basa sulla possibilità di verificare da remoto, sul proprio smartphone, il numero di persone presenti nei pressi del distributore, che potrà disabilitarsi automaticamente in caso di assembramento eccessivo e prolungato. L’azienda che mette a disposizione dei propri dipendenti e collaboratori tale servizio di prenotazione della “pausa”, potrà impostare un numero massimo di slot per ogni macchina, così da avere sempre un numero di persone compatibile con gli spazi a disposizione e rispettoso dei protocolli Inail. Gli utenti, a loro volta, potranno prenotare il proprio turno in base agli slot disponibili e ricevere un promemoria della propria prenotazione, così da agevolare l’eventuale cancellazione della prenotazione e liberazione della disponibilità in caso di impossibilità a presenziare all’orario preselezionato.

Questo servizio aggiuntivo sta funzionando.

Il nostro è stato un processo veloce di adeguamento al contesto di riferimento, un voler fornire il nostro contributo alle aziende italiane in questo delicato periodo di ripresa graduale delle attività, consentendogli così di non eliminare il servizio erogato ai propri dipendenti.

Leggi tutti gli approfondimenti dello Speciale FinTech

© RIPRODUZIONE RISERVATA