Ha 29 anni con un’esperienza da startupper Benedetto Levi, il nuovo amministratore delegato della controllata italiana di Iliad che si sta apprestando ad entrare nel mercato italiano delle telecomunicazioni, puntando sulla sua fama di operatore specializzato nelle offerte telefoniche low cost.

Iliad Italia sarà il quarto operatore di tlc nel nostro paese – sfidante di Wind 3, Tim e Vodafone – che pur in ritardo rispetto ai piani previsti (apertura a fino 2017) è quasi pronto al lancio primaverile. L’azienda, che fa capo al francese Xavier Niel, ha messo online ieri il sito istituzionale italiano (www.iliad.it) presentando l’ad Benedetto Levi e affidando a lui “la responsabilità di sviluppare l’operatore di telefonia mobile di cui è previsto il lancio prossimo in Italia” recita il comunicato.

Levi porta in dote un curriculum che lo vede ben posizionato sul mondo dei millennials, di cui conosce per le esperienze lavorative (non solo per la giovane età) comportamenti e desiderata.
Giovane, laureato al politecnico di Torino in ingegneria logistica e della produzione, con master a Parigi alla scuola Superiore di Commercio, ha fondato in Francia una start up legata al mondo degli accessori per smartphone e in Italia Captain Train, una start up poi venduta al gruppo Trainline, leader nella vendita online di biglietteria ferroviaria.

Prossimi passi

Iliad sarà il quarto operatore italiano di telefonia mobile, accanto a Wind 3, Tim e Vodafone
Iliad sarà il quarto operatore italiano di telefonia mobile, accanto a Wind 3, Tim e Vodafone

Gli asset ridondanti dalla fusione tra Wind e 3 Italia, acquistati da Iliad, saranno il punto di ingresso sul mercato italiano, previsto per marzo, ma Iliad sta già realizzando una propria rete di impianti nella aree di Milano, Monza Brianza, Como, Rimini, Roma, oltre ad essere a buon punto nelle trattative con Telecom, per affittare la fibra ottica per collegare le antenne della rete mobile, e con Inwit per prenotare spazi sulle torri.
Iliad sta anche procedendo alla individuazione di fornitori di servizi per i contact center, in capo a Comdata e Teleperformance, presenti a Taranto, Roma e fuori Milano (a Corsico) .

Non c’è dubbio che il debutto di Iliad rimescolerà gli asset e le posizioni nel mercato della telefonia mobile con un’offerta che lo stesso Niel ha definito molto attrattiva, “contro operatori che cambiano spesso le offerte, con trucchi e inganni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA