Dopo circa 30 anni di evoluzione, il mercato della stampa 3D si sta consolidando e assomiglia sempre di più a quello delle stampanti 2D e dei computer.

Infatti, dopo una prima fase in cui erano disponibili poche macchine molto costose, utilizzate prevalentemente per la prototipazione rapida, dal 2007 si sono diffuse le stampanti open source desk-top, e in seguito la diminuzione dei prezzi delle stampanti tradizionali e il miglioramento delle prestazioni delle stampanti open source ha dato luogo a una nuova categoria di stampanti professionali, con costi di poche migliaia di euro, che contribuiranno in modo sostanziale alla diffusione della stampa 3D negli studi professionali, nelle aziende artigiane e nelle PMI.

Dopo la fase iniziale, in cui la stampa 3D era utilizzata quasi esclusivamente per la prototipazione rapida, la stampa 3D inizia ad affiancare in modo sistematico gli altri metodi di produzione e diverse industrie stanno analizzando il vantaggio competitivo che la stampa 3D può dare alle loro attività.

Confronto tra le classi di prodotti di computer e stampanti 2D/3D – Fonte: Cherry Consulting
Confronto tra le classi di prodotti di computer e stampanti 2D/3D – Fonte: Cherry Consulting

Nel 2018, il mercato della stampa 3D comprende molte diverse tecnologie di stampa, in  grado di trattare polimeri, metalli, e materiali ceramici, compositi e biologici.

Negli ultimi anni le vendite delle stampanti hanno registrato tassi di crescita esponenziali, destinati a proseguire con l’affermarsi di nuove tecnologie a prezzi più bassi. Nel lungo termine, i ricavi dei materiali cresceranno a un ritmo molto più rapido rispetto a quello delle stampanti, man mano che si passerà dalla prototipazione alla produzione di prodotti finiti.

Mordor Intelligence ha valutato 8,3 miliardi di $ il valore del mercato globale della stampa 3D nel 2017, e stima che raggiungerà i 35miliardi nel 2023, con CAGR del 27% nel periodo (2018-2023).

Nel quarto trimestre del 2017, sono state spedite a livello globale oltre 132.000 stampanti 3D unità, il 14% in più rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

Le spedizioni della classe Professionale, che include le stampanti fra 2.500 e 10.000 dollari, sono aumentate del 97% rispetto al 2016. Anche il segmento Design, associato alla prototipazione e dominato dalle aziende del settore come Stratasys, 3D Systems ed EnvisionTEC, ha visto un aumento del +13% rispetto all’anno precedente.

Mentre i volumi unitari sono dominati da stampanti desktop personal inferiori a 2.500 dollari, il 70% e più dei ricavi globali delle stampanti proviene dal segmento industriale, e sono destinati ad aumentare notevolmente, poiché il valore stimato del mercato potenziale della stampa 3D nell’industria manifatturiera è dell’ordine dei 16 miliardi di $, di cui oltre il 50% per la stampa delle materie plastiche.

Il mercato potenziale della stampa 3D nell’industria manifatturiera (Fonte: HP)
Il mercato potenziale della stampa 3D nell’industria manifatturiera (Fonte: HP)

Stampanti 3D Industriali

I ricavi delle stampanti in questo importante segmento industriale sono aumentati nel 2017 del 44% rispetto al 2016. Il segmento industriale ha registrato una buona crescita sia nelle spedizioni di stampanti 3D polimeriche (+31% rispetto all’anno precedente), sia in quelle di stampanti 3D a metalli (+62% nell’ultimo trimestre. Le spedizioni di stampanti 3D industriali sono aumentate del 39%, grazie soprattutto ai nuovi arrivati nel segmento dei polimeri, tra cui HP e Carbon.

I maggiori produttori di stampanti industriali sono Stratasys, Eos, Ge Additive (che ha incorporato Arcam e Concept Laser), Hp e Slm Solutions. Attualmente Stratasys e Hp si concentrano solamente sulla stampa di polimeri e occupano il primo posto nella classifica dei ricavi delle macchine polimeriche.

Nel campo delle stampanti 3D per metalli, il leader di mercato è GE Additive, seguita da Eos e Slm Solutions.

Mercato stampa 3D industriale 2017, Fonte: Context
Mercato stampa 3D industriale 2017, Fonte: Context

Nel corso del 2017 i tradizionali leader di mercato come Stratasys e 3D Systems hanno visto i ricavi in leggera diminuzione, mentre GE Additive e HP hanno registrato una forte crescita. L’intero segmento industriale è cresciuto del 23% rispetto all’anno precedente. Nel 2017 sono state spedite 11.453 stampanti industriali, il 5% in più rispetto al 2016.

Sulla base del numero di unità spedite, i leader nel 2017 sono stati Stratasys, 3D Systems, EnvisionTEC e EOS, con Carbon e HP al quinto posto.

Stampanti 3D personali e professionali

Nel settore delle stampanti 3D Personali, con prezzi inferiori ai 2.500 $, XYZprinting è al primo posto, seguita da Monoprice e da Prusa Research.

Ultimaker e Formlabs primeggiano nella classe Professional, composta da stampanti fra i 2.500 e i 10.000 dollari.

Mercato Stampa 3D Personal 2017, Context
Mercato Stampa 3D Personal 2017, Context

Nel 2017 sono state vendute circa mezzo milione di stampanti 3D Desktop, con un incremento del 52%.

Questa accelerazione è causata da tre motivi:

  1. ingresso nel mercato di nuovi fornitori che offrono stampanti con costi al di sotto dei 500 $ e una qualità accettabile (soprattutto Monoprice e XYZ).
  2. miglioramento della qualità complessiva delle stampanti 3D desktop, che ha fatto nascere una nuova generazione di clienti che richiedono stampanti 3D plug and play. Nel 2017 sono disponibili stampanti 3D con caratteristiche pari o migliori di modelli della medesima classe del 2013, con prezzi 10 volte inferiori. E’ anche iniziato il mercato di sostituzione, poiché gli early adopter (i maker degli anni 2009-2012) stanno sostituendo le loro macchine con i nuovi modelli più performanti ed economici. Inoltre le stampanti 3D a basso costo si stanno diffondendo nelle scuole di tutto il mondo.
  3. Enorme aumento dei file stampabili caricabili da piattaforme come Thingiverse e Myminifactory, che favorisce la transizione dagli early adopters alla early majority, composta da persone interessate non a giocare con le macchine ma a produrre oggetti utili e parti di ricambio a basso costo.
Mercato Stampa 3D Personal 2017, Context
Mercato Stampa 3D Personal 2017, Context

Alcuni analisti prevedono  che nel 2020 verranno vendute da 1 a 1,5 milioni di macchine (CAGR dal 25% al 50% nel periodo 2018-2020), e si spingono a ipotizzare vendite fino a 100 milioni di macchine nel 2030.

Questo potrebbe portare una vera rivoluzione nel mercato degli oggetti di consumo e delle parti di ricambio.

Vari scenari di sviluppo delle stampanti 3D desktop in funzione del CAGR previsto. Dati Context elaborati da 3D Printing Industry
Vari scenari di sviluppo delle stampanti 3D desktop in funzione del CAGR previsto. Dati Context elaborati da 3D Printing Industry

 

Materiali

Il rapporto trimestrale “3D Hubs Digital Manufacturing Trends” basato sui dati forniti da 6.000 centri servizi di stampa 3D, che creano oltre 200,000 oggetti ogni trimestre, fornisce una significativa panoramica delle attuali tendenze nella produzione additiva ed evidenzia che il materiale più utilizzato per la stampa 3D è PLA (30%), seguito da ABS e Nylon (PA12).

Fonte: 3D Hubs Digital Manufacturing Trends  - https://www.3dhubs.com/trends
Fonte: 3D Hubs Digital Manufacturing Trends  – https://www.3dhubs.com/trends

Ecosistema Italiano della stampa 3D

In Italia sono disponibili oltre 400 modelli di stampanti 3D, prodotte da quasi 100 produttori, dei quali una trentina sono italiani. Il parco installato (esclusi i kit di montaggio e le macchine auto-costruite) è dell’ordine delle 20.000 macchine.

L’ecosistema della produzione additiva è composto non solo dalle macchine, ma anche da un complesso contesto produttivo, in cui giocano un importante  ruolo Designer, Centri Servizi, FabLab e Makerspace.

In Italia operano oltre 100 centri servizi professionali, che offrono consulenza, formazione, progettazione, reverse engineering, prototipazione, produzione sia stampanti 3D industriali di ogni tipo che con macchine CNC. La maggiorparte di questi centri stampa solo plastica, mentre una ventina stampano anche metalli.

Secondo la mappa mondiale dei Fablab (Fabrication Laboratory) realizzata da Fablabs.io su 106 paesi, l’Italia è al terzo posto con 134 laboratori di fabbricazione digitale, dopo Stati Uniti (164) e Francia (153). Seguono Spagna (47) e Germania (46).

I FabLab offrono servizi più semplici, rivolti a PMI, artigiani, designer e Hobbisti, e sono dotati di macchine più economiche, con stampanti 3D solo per materie plastiche, che offrono un prezioso supporto allo sviluppo dei prodotti artigianali tipici del made in Italy.

Servizi offerti da FabLab italiani
Servizi offerti da FabLab italiani

 

Plast 2018

Plast è fra le più importanti fiere al mondo per l’intera filiera dell’industria delle materie plastiche e della gomma (macchine, materiali e servizi), che si svolge a Milano ogni tre anni.

La prossima edizione, che avrà luogo alla fiera di Milano – Rho dal 29 maggio al primo giugno, avrà più di 1.400 gli espositori su una superficie espositiva di quasi 55.000 mq.

Nell’ambito di Plast 2018, il salone 3D Plast, organizzato da Amaplast in collaborazione con Netconsulting Cube e Cherry Consulting, conta 44 espositori professionali su un’area espositiva di 800 mq, che rappresentano il meglio dell’offerta nazionale e internazionale della stampa 3D per le materie plastiche.

Cherry Consulting e NetConsulting cube saranno presenti alla manifestazione e organizzano il giorno 30 maggio il Convegno “La Stampa 3D per l’Impresa 4.0“, che fornirà una panoramica aggiornata delle soluzioni più innovative disponibili per l’industria delle materie plastiche e dello stato dell’arte della produzione additiva in Italia, nell’ambito di Industria 4.0: quadro normativo e incentivi, nuovi materiali, mercato, tecnologie, applicazioni nell’industria, ricerca e formazione, con un panel di relatori di assoluto rilievo.

Con questo obiettivo e per rispondere al meglio ai vostri desiderata, vi invitiamo a compilare la versione 2018 della survey via web sull’utilizzo della stampa 3D nella Vostra azienda.

Agli iscritti al convegno sarà garantito l’ingresso gratuito alla fiera Plast2018, valido anche per l’ingresso alle altre 4 fiere contemporanee organizzate dal “The Innovation Alliance” a Rho Fiera Milano: Print4all, Ipak-ima, IntraLogistica e Meat Tech

La partecipazione al convegno è GRATUITA previa iscrizione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi l'articolo:
CONDIVIDI