Le tecnologie digitali disponibili già oggi permettono di comprendere i clienti in modo approfondito e di sfruttare un approccio multicanale per raggiungere i consumatori ed espandere l’ecosistema con i partner.
Il digitale di per sé non è più l’elemento distintivo ma la condizione sine qua non per raccogliere ulteriori sfide. Lo dice Accenture Technology Vision 2019, il report annuale che individua i principali trend tecnologici che ridefiniranno il business nell’arco dei prossimi tre anni.

Per il rapporto 2019, il processo di ricerca ha incluso la raccolta di contributi da parte del Technology Vision External Advisory Board, un gruppo che comprende oltre 20 esperti provenienti dal settore pubblico e privato, dal mondo accademico, da società di venture capital e da società imprenditoriali.

Sono state condotte interviste con esperti di tecnologia ed esperti del settore. Parallelamente, Accenture Research ha condotto un sondaggio online globale tra 6.672 manager di business e IT e raccolto dati sull’adozione delle tecnologie emergenti.

Obiettivo: identificare le questioni chiave e le priorità in tema di adozione della tecnologia e di investimenti. Il campione è composto da dirigenti di alto livello e direttori di aziende in 27 paesi e 20 settori industriali, la maggior parte delle quali fattura ogni anno più di 6 miliardi di dollari.

L’era post-digitale

Le aziende stanno entrando nell’era post-digitale. Il successo si baserà ancora sulla capacità di padroneggiare le tecnologie ma si va verso un cambio di passo. I numeri dicono che quasi quattro aziende su cinque (79%) degli oltre 6.600 manager di business e IT intervistati da Accenture in tutto il mondo per redigere il report ritengono che le tecnologie digitali, in particolare social, mobile, analytics e cloud, non siano più confinate in silos, ma superino il perimetro iniziale per diventare parte integrante del cuore tecnologico delle aziende.

La visione di accenture fotografa cinque trend tecnologici guida per le aziende che vogliono continuare a competere. Il primo trend comprende le tecnologie di distributed ledger, intelligenza artificiale, realtà estesa e quantum computing, a comporre l’acronimo Darq Power (1). Tra queste prevale l’AI (41% degli intervistati) con una percentuale più del doppio superiore rispetto agli altri Darq Power.

Inoltre le interazioni mediate dalla tecnologia portano alla possibilità di individuare un’identità tecnologica (Get To Know Me, 2) per ogni consumatore. E’ una base di conoscenza funzionale alla comprensione approfondita dei consumatori di prossima generazione e per offrire relazioni ricche, individualizzate e basate sull’esperienza. L’83% del campione del report dichiara che i dati offrono nuove modalità per individuare opportunità di mercato in risposta ai bisogni non soddisfatti dei clienti.

Accenture - L'evoluzione dei trend tra il 2017 e il 2019
Accenture – L’evoluzione dei trend tra il 2017 e il 2019

A mano a mano che le risorse umane acquisiscono competenze digitali, le aziende devono abilitare e sostenere nuove modalità di lavoro, ma soprattutto valorizzare le persone. E’ il trend denominato da Accenture Human+Worker (3). Il 71% dei dirigenti intervistati ritiene i dipendenti effettivamente più maturi anche rispetto all’azienda stessa, saranno lavoratori costretti ad aspettare che quest’ultima riesca a tenere il passo. Ne consegue una perdita di business.

Il business dell’impresa è influenzato però anche dalla capacità di interconessione tra diversi ecosistemi, e questo espone le organizzazioni a rischi maggiori. Il ruolo svolto dalla sicurezza rimane fondamentale (4). In questo ambito la distanza tra obiettivi e realtà è marcato. Solo il 29% degli intervistati si dichiara sicuro che i partner si impegnano a essere conformi e resilienti.

Ultimo, ma non meno importante: la disponibilità di tecnologia, abbiamo sottolineato, offre la possibilità di abilitare esperienze personalizzate (5). E tuttavia i processi che abilitano al cambiamento non sono affatto scontanti.

Sei intervistati su sette (85%) dichiarano che la capacità di integrare personalizzazione e disponibilità in tempo reale di beni e servizi rappresenta un nuovo importante vantaggio competitivo. E’ necessario però reinventare la propria struttura organizzative non solo per cogliere, ma anche per individuare le nuove opportunità.

Il metodo quindi richiede la comprensione su come avvicinare il mondo della propria offerta ai clienti, personalizzando attimo per attimo questa vicinanza alle persone.

Zozotown, Sam’s Club e JD.com 

Il report rileva che le aziende che stanno meglio interpretando la trasformazione digitale sono alla ricerca di un vantaggio specifico, sia esso un servizio innovativo, una più elevata efficienza o una maggiore personalizzazione. Mirano a fare meglio della concorrenza combinando queste tre forze per cambiare il modo in cui il mercato stesso funziona: da un solo mercato a tanti mercati personalizzati, on demand e in tempo reale.

Zozotown è tra le più grandi società giapponesi di e-commerce. Ha portato individualizzazione e personalizzazione dell’offerta. Per una delle loro proposte, le tute Zozosuit in spandex, il sistema si collega all’app Zozotown, prende le misure esatte dei clienti, e invia capi personalizzati della collezione in soli 10 giorni.

In tutt’altro ambito, il retailer statunitense Sam’s Club ha sviluppato un’applicazione che utilizza il machine learning e i dati sui precedenti acquisti per compilare le liste della spesa dei clienti. L’azienda vuole ora aggiungere una funzione di navigazione che mostri i percorsi migliori, all’interno del negozio, per raggiungere ogni articolo sulla lista.

 JD.com è uno dei colossi cinesi dell’e-commerce con la piattaforma Toplife. Il servizio supporta i venditori terzi che offrono i propri prodotti su JD creando negozi personalizzati e fornendo accesso alla sua catena di distribuzione con consegna tramite robot e droni all’avanguardia. In collaborazione con Walmart, un negozio fisico di Shenzhen offrirà oltre 8.000 prodotti nel punto vendita o consegnati dal negozio in meno di 30 minuti, con servizi di personalizzazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA