Vodafone Business ha identificato e implementato all’interno del proprio portafoglio soluzioni tecnologiche che, nel post Covid-19, permettono di aiutare in modo concreto aziende ed enti a riprendere le proprie attività con efficacia e senza incorrere in problematiche di performance o di sicurezza.

Nel lungo periodo di lockdown, infatti, l’utilizzo delle tecnologie si è intensificato in termini non solo di tipologie di strumenti e soluzioni in uso ma anche di intensità di utilizzo. A titolo esemplificativo, secondo dati Vodafone, nel periodo di blocco delle attività l’utilizzo della rete mobile e di quella fissa è aumentato rispettivamente del 30% e del 60%, la capacità delle reti mobile e fissa è cresciuta del 30% e del 40%, il numero di minuti trascorsi sulle piattaforme di collaboration è incrementato di 6 volte. Parallelamente, la digital transformation ha subito un’accelerazione significativa per abilitare, in prima battuta, il lavoro da remoto. È un fenomeno che è destinato a caratterizzare anche il post lockdown, visto che sono molte le realtà, soprattutto aziendali, che stanno continuando ad operare in smart working e che non hanno ancora richiesto il rientro fisico dei propri addetti negli uffici.

Vodafone Business - Smart Working
Vodafone Business – Lo smart working durante il periodo di lockdown, ma non solo, ha contribuito ad incrementare in modo significativo l’utilizzo della rete fissa e mobile

Come conseguenza di questa forte accelerazione delle comunicazioni fisse e mobili nonché dell’adozione di soluzioni di collaboration, molte imprese hanno sperimentato e continuano a vivere sulla loro pelle problemi di performance delle rete, come ad esempio saturazione della banda e blocco del funzionamento di applicativi – anche business-critical, o attacchi di cybersecurity. Le notizie di questi giorni dimostrano chiaramente come nessuna azienda o ente, nemmeno di grandi dimensioni, possa considerarsi immune da minacce di sicurezza.

A questo proposito vediamo come, recentemente, Geox ha dovuto bloccare la produzione e la logistica nel suo stabilimento di Montebelluna a causa di un ransomware diffuso all’interno dei propri sistemi informatici. Analogamente, Enel ha subito un disservizio sulla propria rete informatica a causa di un ransomware. Nel mondo, tra le vittime recenti di attacchi di cybersecurity spiccano Honda, che ha dovuto bloccare alcuni stabilimenti produttivi e il suo servizio di assistenza, Nintendo, che ha subito la violazione di 300.000 account dei propri giocatori.

Puntare verso una maggiore resilienza

Alla luce di questo scenario, visto il perdurare delle nuove condizioni di lavoro che si sono imposte durante la fase più acuta dell’emergenza sanitaria, aziende ed enti devono superare l’approccio tattico che le ha guidate nell’adottare soluzioni che, nel breve, garantissero la continuità delle loro attività a favore di una strategia che punti ad aumentare, in modo strutturale, la loro resilienza. È fondamentale, in altre parole, che aziende ed enti rafforzino la loro capacità di affrontare le possibili criticità pur mantenendo inalterate le loro caratteristiche primarie.

Se ci concentriamo sul mondo imprenditoriale, la resilienza è un concetto che si declina su molteplici aspetti aziendali, a partire dai processi e dai modelli di business per arrivare alle dotazioni tecnologiche in ambito ICT. Restando sulla dimensione business, sono tutte le figure aziendali a dover lavorare per incrementare la resilienza.

E’ di cruciale importanza per le aziende e la pubblica amministrazione porre l’attenzione sulla resilienza della propria infrastruttura di rete che assume caratteristiche diverse a seconda dei settori. Per esempio, nei settori che producono beni per il consumatore finale così come nel comparto retail dovranno essere ripensati i processi di distribuzione al cliente: molti negozi lasceranno il posto a store virtuali, le attività di consegna dovranno limitare il contatto tra operatori e cliente, etc. Alcuni comparti industriali, durante la pandemia, hanno convertito la loro produzione verso altri ambiti, come mascherine, camici, gel e prodotti disinfettanti, distanziatori in plexiglass, dispositivi medicali, valvole per i respiratori. Per molti di questi settori, la conversione produttiva sarà permanente e dovrà essere sostenuta da investimenti per riqualificare gli stabilimenti e per dotarsi delle figure professionali necessarie.

A questo proposito, secondo una recente indagine di Ranstad, sono in gran parte le aziende dei settori tessile – moda, plastica, chimica, cosmetica, manifatturiero, medicale, e del comparto grafico e stampa, ad essere interessate dalla riconversione, in alcuni casi permanente, delle proprie attività.

Vodafone Business – Tutti i comparti aziendali devono puntare sulla resilienza che si declina su molteplici aspetti aziendali, a partire dai processi e dai modelli di business fino alle dotazioni tecnologiche in ambito ICT 

I responsabili HR sono impegnati a garantire la resilienza delle strutture organizzative sostenendo l’evoluzione delle risorse umane verso nuove forme di lavoro, in modo da non solo garantire la loro soddisfazione ma anche garantire la continuità del business e la risposta alle esigenze dei clienti.

I responsabili delle operations (inclusi aspetti produttivi e logistici) devono focalizzarsi sull’ottimizzazione della supply chain basando la sua resilienza su molteplici fattori: trasparenza/tracciabilità, gestione dell’inventario e della domanda, pianificazione della capacità produttiva e distributiva (con focus sulla logistica e le modalità di trasporto), sicurezza degli operatori.

Infine, i responsabili in area amministrazione e finanza, i CFO, devono lavorare al mantenimento della solidità finanziaria aziendale. Costi, profittabilità – messa in difficoltà dal calo delle vendite, e liquidità per avere risorse da destinare ad un’ampia gamma di investimenti (per operazioni societarie, per adeguare la tecnologia) sono i principali obiettivi di resilienza di queste figure aziendali.

In questo scenario, la dimensione tecnologica continua a giocare un ruolo imprescindibile di abilitazione. L’utilizzo di strumenti di comunicazione e di collaboration così come l’adozione di servizi cloud, soluzioni di advanced analytics, piattaforme di e-commerce e IoT, già cresciuto significativamente durante il lockdown, è destinato a rafforzarsi ulteriormente a supporto delle strategie aziendali nel post Covid-19. Per sfruttare pienamente le opportunità rese disponibili dalla tecnologia, servizi, soluzioni e piattaforme devono necessariamente poggiare su infrastrutture resilienti.

La resilienza infrastrutturale deve garantire la disponibilità di soluzioni e applicazioni, la capacità di rispondere agilmente ad eventi sia pianificati che non, quali sono ad esempio gli attacchi informatici, garantendo la protezione di applicazioni e dati e il loro rapido ripristino. Particolarmente frequenti sono attacchi DDoS e ransomware che colpiscono tutte le aziende, anche quelle di grandissime dimensioni (Enel, Fincantieri, Geox, Honda, Nintendo, etc.). Gli attacchi ransomware sono particolarmente onerosi per le imprese che ne sono vittime perché, oltre a determinare il blocco delle attività, e quindi mancati guadagni, richiedono il pagamento di riscatti, prevalentemente in bitcoin.

Il supporto di Vodafone Business

L’offerta di Vodafone Business risulta assolutamente allineata al bisogno che le aziende hanno di aumentare la propria resilienza. In particolare, la soluzione SD-WAN, ovvero Software-Defined Wide Area Network, offre alla aziende la disponibilità di una rete centrata su funzionalità di virtualizzazione e automazione che porta benefici di flessibilità, controllo e agilità, elementi che sono alla base della resilienza infrastrutturale.

In maggior dettaglio, la soluzione SD-WAN è basata su tecnologia NFV (Network Function Virtualisation) e rappresenta un “overlay”, ovvero un livello virtuale che si sovrappone alla rete fisica esistente, detta “underlay”. Grazie a questa soluzione, si crea un network intelligente che permette all’IT manager di configurare ogni nuovo elemento così come di aggiungere o rimuovere componenti di rete (switch, router, firewall, etc.) non in modo manuale ma in modo automatizzato attraverso un’unica interfaccia di rete.

Vodafone Business – Una Software-Defined Wide Area Network, offre i vantaggi di una rete basata su funzionalità di virtualizzazione e automazione con un incremento importante nella flessibilità di utilizzo

È una soluzione che si presta ad essere utilizzata da aziende molto dinamiche nelle quali la rete deve collegare un’ampia gamma di sedi, reti di terze parti (in logica di VPN), dispositivi, data center e applicazioni, nella maggioranza dei casi in evoluzione secondo traiettorie difficilmente prevedibili.

Oltre ad un generale miglioramento delle performance di rete, i vantaggi della soluzione SD-WAN sono diversi: visibilità, riduzione dei costi, controllo, flessibilità, sicurezza.

L’inarrestabile crescita del volume di dati da trasmettere mette in serie difficoltà le reti di tipo tradizionale che, infatti, faticano a gestire quantità di dati sempre più grandi. Questo trend non è previsto rallentare: nel breve periodo, è attesa una crescita del 20% sul volume dei dati che riflette la crescente adozione di servizi cloud e di videostreaming nonché la sempre maggiore digitalizzazione delle aziende. In questo scenario, la soluzione SD-WAN consente di gestire l’ampiezza di banda a seconda delle necessità. Le aziende che adottano questa soluzione potranno, quindi, dedicare banda alle applicazioni più critiche, controllare la banda in vista di nuove applicazioni o device, liberare banda in caso di attività straordinarie in modo da non interferire con il business ordinario.

La nascita di nuove vulnerabilità in ambito sicurezza è un’altra conseguenza della crescente digitalizzazione aziendale. L’utilizzo di nuovi device, applicazioni e servizi e la parallela apertura dei confini aziendali determina, infatti, un incremento, per le imprese, delle probabilità di essere soggette ad attacchi hacker. SD-WAN dà la possibilità di modificare e rafforzare i propri sistemi di protezione su tutti gli ambiti aziendali o solo su quelli minacciati.

Infine, l’importanza della user experience è una tematica comune a pressoché tutte le aziende che trae beneficio dalle nuove tecnologie digitali e quindi dall’utilizzo di reti che siano disponibili 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Anche in questo caso, la SD-WAN supporta le aziende perché le aiuta ad essere always-on. Con la soluzione SD-WAN, le aziende possono ridimensionare la banda che stanno utilizzando per dedicarla a nuovi servizi digitali battendo sul tempo i competitor e dando ai clienti l’experience desiderata, l’accesso senza vincoli di tempo alla propria offerta.

I punti di forza della proposta SD-WAN di Vodafone Business

Il valore di Vodafone Business come provider di soluzioni di SD-WAN può essere sintetizzato in una serie fattori, che abbracciano aspetti generali per arrivare a tematiche più specifiche dell’ambito che stiamo trattando:

  • innanzitutto, Vodafone Business ha un approccio multi-vendor fondamentale per garantire alle aziende clienti la disponibilità delle soluzioni più adatte che possano essere integrate e coesistere con piattaforme di più provider e con diverse tecnologie;
  • Vodafone Business è, inoltre, presente su tutto il territorio nazionale ed internazionale ed è in grado di seguire sia realtà locali sia imprese con attività più estese, anche all’estero;
  • Vodafone Business ha un approccio aperto ai cambiamenti tecnologici ed è, quindi, in grado di guidare le proprie aziende clienti nell’adozione dei nuovi paradigmi digitali, non solo SD-WAN ma anche intelligenza artificiale, IoT, analytics, 5G, etc. Ne è un prova il fatto che nel tempo Vodafone Business ha sviluppato un ampio portafoglio di offerta che include servizi di rete mobile e fissa, servizi cloud, piattaforme IoT e di analytics;
  • Vodafone Business per prima ha adottato la tecnologia SD-WAN a supporto della propria rete e, grazie all’esperienza acquisita, è in grado di aiutare in modo efficace le aziende che vogliano implementare questa tipologia di soluzione;
  • Vodafone Business accompagna le aziende nel passaggio da una rete tradizionale ad una rete basata su tecnologia SD-WAN facendole evolvere in modo graduale e rispettandone le esigenze.

Non perdere tutti gli approfondimenti della room Vodafone Business Lab

© RIPRODUZIONE RISERVATA