Le aziende hanno bisogno di strumenti che permettano di gestire l’infrastruttura in modo agile, sicuro e veloce in grado effettivamente di accelerare i processi di trasformazione digitale. E in questo scenario la spostamento sul cloud (non solo di “alcune” applicazioni) e l’attenzione alla sicurezza rappresentano due punti cardine nelle strategie di ogni tipo organizzazione, come confermano anche i trend di mercato.

I dati elaborati da NetConsulting cube per il rapporto Anitec-Assinform di quest’anno, evidenziano come il cloud rappresenti uno dei principali driver del mercato digitale, con una crescita che prosegue da alcuni anni a doppia cifra (oltre il 20%), e anche nel 2019 ha segnato +21,5% rispetto all’anno precedente.
Nonostante l’inevitabile frenata del mercato per l’emergenza sanitaria, anche nel 2020 cloud e cybersecurity saranno tra i pochi segmenti a confermare un trend positivo sostenuto, e hanno dato prova nel corso del lockdown di essere tra i principali fattori in grado di garantire resilienza e continuità operativa.

Le aziende da una parte si sono trovate a dover rallentare, se non fermare, alcuni processi di trasformazione, ma hanno anche toccato con mano i vantaggi del cloud computing. Di fatto, tante aziende che vorrebbero “partire” riconoscono però come affrontare un percorso di cloud transformation non sia semplice. Oltre la tecnologia hanno bisogno di essere accompagnate da partner competenti in grado di realizzare i progetti, di metterli a terra.

Michele Apa, Sr. manager Solution Engineering, VMware Italy
Michele Apa, Sr. manager Solution Engineering, VMware Italy

Le fasi da considerare in una cloud transformation sono infatti diverse e complesse se non affrontate con le competenze necessarie. Serve un assessment completo della situazione reale di partenza, il disegno di un differente modello operativo dell’IT; a questo seguirà la fase vera e propria di migrazione ed implementazione dei servizi e la fase di ottimizzazione della gestione dei servizi implementati.  
Questi piani, a causa della mancanza di competenze interne alle aziende, dovrebbero essere gestiti con il supporto di partner tecnologici specializzati.

Davide Pizzanelli, solution specialist, SoftwareOne
Davide Pizzanelli, solution specialist, SoftwareOne

Tema del seminario è proprio come realizzare un’infrastruttura di cloud ibrido grazie alla tecnologia VMware che permette di modernizzare applicazioni in modo sicuro e veloce. A partire dalle potenzialità di vSphere 7, e dalle sue evoluzioni future (se ne parlerà in occasione di VMWorld 2020), Michele Apa, Sr. manager Solution Engineering, VMware Italy e Davide Pizzanelli, solution specialist, SoftwareOne, mettono a fuoco come tradurre le potenzialità tecnologiche in reali vantaggi di business grazie alla competenza di un partner a valore che realizza progetti “a quattro mani” con i clienti e lavora in sinergia con VMware a supporto dei progetti di trasformazione delle aziende clienti.

Registrati nel form sottostante per rivivere il webinar dalla durata di un’ora. Riceverai via email il link per accedere al webinar.

© RIPRODUZIONE RISERVATA