L’esito dell’Assemblea dei soci 4 maggio mette a rischio o quantomeno in dubbio una governance stabile per TIM.

L’azionariato ad oggi è così composto:

Fonte: Consob

Nello specifico, il 67,15% del capitale ordinario di Telecom Italia che ha partecipato all’Assemblea si è così espresso:

  • 49,84% in favore del fondo americano Elliott
  • 47,18% favorevole alla lista francese di Vivendi
  • 2,38% astenuti
  • 0,60% contrari

Di seguito, invece, le liste di candidati presentate per l’Assemblea degli azionisti ordinari del 4 maggio e la lista dei 15 Amministratori nominati che compongono il nuovo Consiglio di Amministrazione:

 

Mentre l’esito della votazione è stato accolto positivamente dalla Borsa, Vivendi ha precisato che vigilerà sull’attuazione del piano industriale 2018-2020 previsto e ha confermato il suo impegno a lungo termine nell’azienda oggetto del “contenzioso”.

Dal canto suo, Elliott è pronta ad attuare il proprio piano Transforming Tim attraverso la separazione di Sparkle, la cessione di quote di Inwit e soprattutto lo scorporo della rete di accesso.

Il CdA di TIM, per la prima volta dopo il rinnovo deliberato dall’assemblea dei soci, ha nominato Fulvio Conti, presidente e Amos Genish, amministratore delegato.
Definito anche il nuovo assetto delle deleghe: in particolare, a Stefano Grassi, assegnata la delega in qualità di Delegato alla Sicurezza ma in via temporanea, nell’ambito dell’iter burocratico-giuridico in corso con il Comitato di Coordinamento presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri in vista della definizione di un assetto “finale” della materia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA