Non è nuova la partnership tra VMware e IBM, che conta già 1.700 aziende tra i clienti di cui 400 in Europq, ma è potenziata in ottica hybrid cloud.
La partnership annunciata oggi al VMworld Europe 2018 congiuntamente da Pat Gelsinger, ceo di VMware, e Arvind Krishna, Senior vice president Hybrid Cloud di IBM va nella direzione di accelerare l’adozione del cloud ibrido con nuovi servizi di IBM, pensati per migrare i workload critici da VMware a IBM Cloud, cercando di modernizzare le applicazioni con Kubernetes e i container (ambito nel quale VMware ha annunciato oggi  l’acquisizione strategica di Heptio). Insieme le due aziende, unendo il rispettivo know-how, potranno offrire mission critical workload con oltre il 99,9% di availability.

L’architettura cloud globale automatizzata e disponibile per carichi di lavoro VMware mission-critical sarà gestita da IBM Services, e potrà essere implementata negli Stati Uniti, in Europa e in Asia-Pacifico, nei 18 siti dove IBM Cloud è disponibile. La soluzione (che include IBM Cloud infrastructure, tecnologie di software-defined data center di VMware, Intel Optane DC SSD e IBM Services) mette a disposizione storage, resilienza, strumenti di monitoraggio e il troubleshooting delle applicazioni cloud.

VMworld 2018 - Arvind Krishna, SVP, Hybrid Cloud & Director of Research di IBM
VMworld 2018 – Arvind Krishna, SVP, Hybrid Cloud & Director of Research di IBM

“La partnership tra VMware e IBM si basa sui punti di forza di entrambe le aziende – spiega Pat Gelsinger-. Oggi tutte le grandi aziende in cui VMware è presente possono spostare i carichi di lavoro al cloud pubblico di IBM utilizzando Hybrid Cloud Extension per la migrazione di massa su larga scala delle applicazioni”.

Grazie alla nuova partnership saranno resi disponibili servizi e soluzioni per spostare, modernizzare e gestire qualsiasi applicazione VMware su IBM Cloud in un ambiente multicloud sicuro e aperto. “Il nostro obiettivo è aiutare i clienti a ridurre i rischi e prevenire eventuali interruzioni in un ambiente cloud in modo che possano rimanere focalizzati sull’innovazione” precisa Gelsinger.

Oltre a questo, l’accordo tra le due aziende prevede l’utilizzo di Watson per migliorare il servizio ai clienti attraverso i portali di supporto di VMware e la creazione di un Joint Innovation Lab con ingegneri dedicati che creeranno soluzioni e servizi ad hoc per IBM e VMware.

Casi applicativi

Tra le aziende che già utilizzano VMware su IBM Cloud, CNH Industrial (produttore di macchine agricole e veicoli commerciali) che porterà i carichi di lavoro dall’infrastruttura on-premise di VMware a IBM Cloud per offrire maggiore flessibilità, efficienza di costo, e miglior servizio di assistenza clienti sul mercato. Grazie all’accordo sul cloud, CNH Industrial utilizzerà anche IBM Cloud Private e Watson Artificial Intelligence per trasformare i processi aziendali.

Altra referenza è la Banca Carige che sta adottando una strategia di cloud ibrido per  ottimizzare le proprie applicazioni ed evolvere verso una banca digitale. Banca Carige utilizzerà le soluzioni IBM Cloud per VMware in ambienti cloud pubblici e privati per consentire l’adozione di metodologie di big data e migliorare la competitività commerciale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA