Utile netto per 8,7 miliardi di dollari e una crescita del 25,4% anno su anno rispetto al 2017. Con questi numeri Huawei apre Annual Report 2018, per un fatturato complessivo che nel 2018 ha superato i 105 miliardi.

Più di una decima parte (14,8 miliardi) sono stati investiti nello stesso anno in ricerca e sviluppo, una percentuale alta che nel corso degli ultimi dieci anni ha pesato complessivamente per 70 miliardi di dollari.

In occasione della presentazione del report Guo Ping, rotating chairman di Huawei, così commenta: “L’Ict si sta rapidamente diffondendo in tutti i settori. Ciò ha innescato un processo di trasformazione digitale che è diventato la forza trainante della nostra economia. Attraverso significativi investimenti nello sviluppo della tecnologia 5G e a un’implementazione commerciale su larga scala, Huawei è impegnata a realizzare le migliori connessioni di rete al mondo nel rispetto degli standard ]…[. Sicurezza informatica e protezione della privacy degli utenti le nostre priorità. Crediamo che le aziende e i Paesi che sceglieranno di lavorare con Huawei saranno i più competitivi nell’era del 5G”.

Guo Ping, Rotating Chairman di Huawei
Guo Ping, Rotating Chairman di Huawei

Toccati quindi tutti i punti dei temi che hanno visto Huawei al centro dell’attenzione negli ultimi mesi: 5G, privacy, collaborazioni con i diversi Paesi. L’azienda cinese, intanto, non ha sviluppato nel 2018 solo prodotti, ma anche 5.405 domande di brevetto per un’offerta a tutto tondo dal consumer all’ambito enterprise. 

Così, in ambito consumer, Huawei ha incrementato la sua quota di mercato smartphone a livello globale e migliorato il posizionamento dei dispositivi di fascia alta. Passi in avanti anche nella proposta di un ecosistema intelligente. Il comparto vale oggi 50,9 miliardi di dollari, con una crescita del 45,1% rispetto al 2017. 

Nel mercato carrier, Huawei ha lanciato le ultime soluzioni 5G e SoftCom AI, ha rinnovato la proposta tecnologica sulla banda larga domestica premium e Internet of things (IoT), settori in cui Huawei ha aiutato gli operatori a cogliere nuove opportunità di crescita per un fatturato di 42,9 miliardi di dollari.

Infine, in ambito enterprise, Huawei fornisce soluzioni Cloud, Big Data, IoT e AI, coprendo anche le esigenze in ambito data center, all-flash storage e WiFi. Una proposizione accolta da 211 delle aziende Fortune Global 500.

Per un fatturato Enterprise Business Group di Huawei che ha pesato nel 2018 per 10,9 miliardi di dollari, in crescita del 23,8% rispetto all’anno precedente. Il mercato cloud ha visto il lancio di 160 servizi e 140 soluzioni, è attivo in 23 Paesi, grazie allo sforzo di 6.000 partner.

Oggi l’offerta carrier, insieme a quella enterprise di Huawei, pesa come quella complessiva in ambito consumer.

Guo: “Il modo più semplice per abbattere una fortezza è attaccarla dall’interno e il modo più semplice per rinforzarla è dall’esterno. Nel perseguire i nostri obiettivi strategici, continueremo a migliorare la gestione, a rafforzare il nostro sistema di compliance a livello operativo, a garantire la continuità e la sostenibilità del business e a coltivare un ecosistema aperto in cui tutti gli attori coinvolti collaborano e prosperano insieme”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA