Accelerare la strategia di crescita a livello internazionale e raddoppiare i ricavi entro il 2024. Questi gli obiettivi cui punta Data4 che annuncia un importante aumento di capitale attraverso un’operazione realizzata da un gruppo di investitori, con alla guida Axa IM-Real Asset, per supportare in modo attivo lo sviluppo dei nuovi data center. L’investimento previsto dall’azienda, per i prossimi cinque anni, è di 650 milioni di euro: un importo molto importante considerato il valore pari a quello allocato negli ultimi 13 anni.

Data4, nata in Francia nel 2006, e acquisita nel 2018 proprio da Axa IM – Real Assets, gestisce già 19 data center in Francia, Lussemburgo, Italia e Spagna. Negli ultimi tre anni ha visto crescere il business in proporzione diretta con la crescita dei dati e delle esigenze sempre maggiori di computing da parte delle aziende che hanno intrapreso i progetti di trasformazione digitale. Isabelle Scemama, Ceo di Axa IM – Real Assets: “Dopo aver rafforzato il nostro impegno nei confronti di Data4 meno di due anni fa, quando abbiamo acquisito il pieno controllo della piattaforma, oggi siamo giunti all’aumento di capitale grazie all’ingresso di due nuovi investitori. Rappresenta un’altra tappa molto importante per l’accelerazione del business di Data4

Olivier Micheli, Ceo di Data4 Group
Olivier Micheli, Ceo di Data4 Group

Nello stesso periodo (tre anni) sono cresciuti i ricavi, di circa il 50%, mentre i clienti sono quintuplicati. Per raddoppiare i ricavi entro il 2024, ora l’azienda accelera sullo sviluppo dei data center nei mercati attuali, come in quelli internazionali, e quindi prevede di costruirne 23 nuovi. Nella strategia di Data4 anche nuovi obiettivi di mercato da perseguire attraverso acquisizioni con lo scopo di svilupparsi in modo rapido a livello internazionale.

Conferma Olivier Micheli, Ceo di Data4 Group: Quello che ci siamo prefissati è chiaro: raddoppiare i ricavi in 5 anni, consolidando il nostro posizionamento come operatore data center leader nativo europeo. Data4 si trova nella condizione ideale di beneficiare della crescita di questo settore sia nei mercati esistenti sia in quelli internazionali. Forti di un approccio eco-responsabile, continueremo a investire pesantemente nello sviluppo di edifici intelligenti per portare sempre più innovazione ai nostri clienti”.

L’emergenza sanitaria in corso ha alzato l’attenzione delle aziende sul data storage. Hanno contribuito in modo particolare il bisogno di adottare una valida strategia di remote working e l’espansione della penetrazione dell’e-commerce. Trend strutturali già prevalenti che hanno subito una significativa accelerazione. Data4, che mette a disposizione dei propri clienti (operatori cloud internazionali, telco, aziende tecnologiche innovative e multinazionali) infrastrutture digitali per sostenere qualsiasi tipologia di workload e soluzioni di data hosting ad alte prestazioni, si trova ora a dover soddisfare una domanda crescente.

L’approccio strategico scelto da Data4 è volto anche a sensibilizzare i clienti sull’impatto ambientale delle infrastrutture. Il gruppo sta effettivamente progettando edifici intelligenti o smart data center che combinano il miglioramento dell’esperienza utente con la soddisfazione di alti requisiti operativi, l’ottimizzazione del consumo energetico con l’utilizzo delle risorse dei data center stessi.

Nei data center di Data4 i clienti possono sfruttare gli indicatori di performance e rilevazione ambientale (temperatura, igrometria, consumo di acqua, energia, emissioni gas a effetto serra) e così monitorare in tempo reale le prestazioni e l’impatto ambientale dell’hosting e dei sistemi adottati durante tutto il ciclo di vita, per seguire pratiche più sostenibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA