Il mondo del finance italiano richiede oggi modelli operativi per far fronte a normative stringenti e ad un contesto di mercato competitivo. Un settore dove un approccio tecnologico agile attraverso l’uso di tecnologie avanzate, a partire dall’intelligenza artificiale e dal machine learning, possono fare la differenza e aiutare le aziende a trasformare i rischi in opportunità.

Fa parte della strategia di Oracle sostenere il settore mettendo al servizio di banche, istituti finanziari, assicurazioni e fintech, strumenti e soluzioni per la digitalizzazione dei processi e la business intelligence. Oggi, gli sforzi in questa direzione si intensificano, nella divisione Financial Services, una nuova Oracle Global Business Unit operante in Italia.

Ci offre uno spaccato della nuova realtà italiana, Antonio Colasante, sales director Financial Services Analytics di Oracle, esperto nella gestione di progetti complessi nel fintech.

In termini dimensionali, spiega il manager, si tratta dellapiù grande BU di Oracle”, che conta 10.000 dipendenti a livello globale, oltre 800 clienti, 180 partner e gestisce circa 26 miliardi di transazioni e 37 milioni di polizze assicurative. Una divisione innovativa, che investe in ricerca & sviluppo il 50% in più rispetto alle altre divisioni verticali del gruppo come retail, food & beverage, comunicazione, construction & building.

Oracle Analytical Applications
Oracle Analytical Applications

Le soluzioni del finance sono raggruppabili in tre tipologie: quelle legate al banking, quelle all’ insurance system e le analytical application. Le ultime, a corollario degli altri due mondi, si compongono di 67 applicazioni, soluzioni end-to-end inserite all’interno dell’infrastruttura del cliente per la gestione degli obblighi di carattere normativo, best practice di mercato, tematiche di risk management, tesoreria, performance, profittabilità, controllo di gestione. Strumenti integrabili con le soluzioni Erp di Oracle, ma anche con strumenti esterni, e che offrono scalabilità per diversi modelli di applicabilità.

Dati, creare un’unica fonte attendibile

Antonio Colasante, sales director Financial Services Analytics, Oracle,
Antonio Colasante, sales director Financial Services Analytics, Oracle

“Molto spesso i casi d’uso che trattiamo seguono dettami di carattere normativo – spiega Colasante -; negli ultimi anni di iper-regolamentazione a livello europeo, da applicare poi alle diverse aree geografiche, le aziende devono spesso confrontarsi con diverse richieste in termini di timing e dati. Noi ci impegniamo per supportarle nel migliorare i processi, unificando e raccogliendo i dati in modo omnicomprensivo. Constatiamo però che in termini di dati manca spesso una fonte univoca da usare in modo trasversale per sfruttare le informazioni, che spesso le aziende non sanno neppure di avere al proprio interno. Lavoriamo per creare un’unica fonte attendibile per gestire il maggior numero di dati utilizzabili e aiutare le imprese a minimizzare l’impatto dei cambiamenti normativi. I nostri strumenti, sia in cloud che on premise (naturalmente con una forte spinta sui primi da parte dell’azienda), sono soluzioni che permettono di gestire queste complessità”.
Come quella legata ai nuovi principi contabili IFRS 17 che entreranno in vigore nel 2023; una tematica importante per il settore, che cambia totalmente la gestione della polizza assicurativa e sulla quale Oracle sta lavorando.

Crédit Agricole gioca d’anticipo

Crédit Agricole è tra le prime aziende ad adottare le soluzioni Oracle per l’adeguamento allo standard IFRS 17. A raccontare il beneficio dell’esperienza è Lorenzo Bordogna, chief financial fficer di Crédit Agricole Vita e Crédit Agricole Assicurazioni, che spiega l’approccio innovativo adottato verso il nuovo principio contabile.

Lorenzo Bordogna, chief financial fficer di Crédit Agricole Vita e Crédit Agricole Assicurazioni
Lorenzo Bordogna, chief financial fficer di Crédit Agricole Vita e Crédit Agricole Assicurazioni

“Abbiamo cercato prima di tutto una soluzione che ben si adattasse con gli strumenti già presenti in azienda, in particolare con l’Erp Oracle in uso sia per la contabilità aziendale che per gli IFRS, ma che si sposasse anche con gli strumenti che utilizziamo a monte per l’alimentazione dei processi stessi”, spiega Bordogna.

L’azienda approda alla soluzione Oracle Insurance Analyzer come strumento a supporto della gestione verso la nuova normativa, la cui entrata in vigore, inizialmente fissata per fine 2021, è ora posticipata al 2023. “Questa delay non cambia la nostra impostazione progettuale – commenta il manager -. Come gruppo ci siamo fissati comunque la prima scadenza come target e utilizzeremo questo tempo a nostra disposizione per prendere confidenza con il nuovo principio ed essere pronti per fare dei “parallel running” prima di partire con il perfezionamento sulle soluzioni e con la comprensione del risultato. Cerchiamo di non posticipare progetti in corso per essere pronti per il 2021 e tornare presto all’operatività. La tecnologia Oracle ci sostiene in un progetto che richiede al nostro interno una grande collaborazione e integrazione tra le diverse funzioni di Finance, Attuariale e IT; anche la collaborazione con i team di Oracle Insurance deve essere pertanto molto stretta. Nella situazione contingente lo stiamo comunque gestendo anche a distanza”.

Investimenti necessari per la compliance alle normative di settore che hanno un comune denominatore, prosegue Colasante: “La gestione unificata che diventa parte integrante di un processo di innovazione e digitalizzazione del finance indispensabile per la competitività, che fa leva anche in questo caso sull’unificazione di tutti i dati disponibili – strutturati e non strutturati, già trattati in modo automatizzato o ancora inseriti in processi manuali -, da gestire in una data platform unica e da poter analizzare in tempo reale. Processi resi possibili da AI e ML che aiutano a sviluppare capacità predittive grazie ad infrastrutture in cloud Oracle, con algoritmi da modellare all’occorrenza e tecnologie pervasive su tutte le soluzioni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA