Con oltre 112 milioni di oggetti connessi nel mondo e 11 milioni in Italia, Vodafone gestisce una delle più importanti piattaforme di connessioni IoT al mondo. Le potenzialità di 5G e IoT per i progetti nelle Smart Factory sono al centro del dibattito e della proposta di Vodafone, come dettaglia Sabrina Baggioni, 5G Program Director and Head of Business Products & Partnerships Vodafone Italia

Come sta evolvendo la piattaforma IoT di Vodafone Business?

Con oltre 112 milioni di oggetti connessi nel mondo e 11 milioni in Italia, Vodafone è leader nel mercato dell’Internet of Things e gestisce una delle più importanti piattaforme di connessioni IoT al mondo: la Vodafone GDSP (Global Data Service Platform). Per il sesto anno consecutivo, Gartner ci attribuisce la posizione di “leader in the Magic Quadrant for managed M2M services” grazie alla riconosciuta capacità operativa e alla profondità della nostra visione strategica. In Italia siamo stati il primo operatore a completare la copertura di tutto il territorio nazionale con il Narrowband-IoT, lo standard radio di elezione per moltissime applicazioni IoT.

Sabrina Baggioni, 5G Program Director and Head of Business Products & Partnerships Vodafone Italia
Sabrina Baggioni, 5G Program Director and Head of Business Products & Partnerships Vodafone Italia

Grazie alla posizione di leadership a livello nazionale e internazionale, godiamo di una prospettiva privilegiata sull’evoluzione della tecnologia e delle esigenze delle aziende in ambito IoT che ispira investimenti e sviluppi sulla nostra piattaforma.
Secondo l’ultimo “IoT Spotlight” di Vodafone, il principale sondaggio globale sullo stato dell’innovazione e degli investimenti IoT, pubblicato nel mese di ottobre, l’Internet delle Cose è stato, ad esempio, fondamentale per il 90% delle imprese italiane per garantire continuità operativa durante l’emergenza e questo ha alzato le aspettative sul ruolo dell’IoT come fattore abilitante per la sostenibilità delle aziende in futuro.

La piattaforma IoT di Vodafone Business consente di sviluppare e gestire in sicurezza, anche oltre i confini nazionali, l’intero end to end delle soluzioni IoT, dalla gestione dei device e della connettività fino allo sviluppo delle applicazioni. Uno degli ambiti di sviluppo applicativo più rilevante è sicuramente quello dell’Industry 4.0, dove offriamo soluzioni end to end per accompagnare le imprese nel loro percorso di trasformazione digitale. In grande crescita, in particolare, lo Smart Manufacturing, in cui le applicazioni IoT diventano essenziali per ridurre i costi operativi e migliorare l’indice OEE (Overall Equipment Effectiveness).

La nostra soluzione di Smart Manufacturing consente di raccogliere e armonizzare – in modo semplice e completo attraverso un gateway dedicato chiamato Vodafone Industrial Connect Gateway – i dati provenienti da qualsiasi dispositivo industriale per fornire supporto decisionale tramite, ad esempio, monitoraggio in tempo reale dello stato della catena di produzione, controllo della qualità degli oggetti prodotti, analisi temporale della disponibilità e performance dei componenti dell’impianto, intercettazione e risoluzione guasti nel minor tempo possibile.

Quali sono i servizi inclusi e quali i benefici per le aziende industriali? E quali sono i settori con un maggiore domanda potenziale in Italia?

Con le soluzioni IoT di Vodafone Business e la nostra piattaforma globale GDSP, offriamo servizio e supporto completo per lo sviluppo di applicazioni IoT, dalla connettività al supporto nella progettazione, dalla gestione degli oggetti connessi allo sviluppo di applicazioni. Uno degli aspetti più importanti del nostro approccio e delle nostre soluzioni è infatti la semplicità. In ogni fase della progettazione, il nostro obiettivo è semplificare.
Non aggiungiamo complessità né dal punto di vista architetturale né sotto gli aspetti operativi: la nostra tecnologia si integra in modo non invasivo con i sistemi informativi e di automazione esistenti e le nostre soluzioni consentono di accedere in modo facile e intuitivo a tutte le informazioni rilevanti delle realtà produttive, incluse quelle tipologie di dati che tipicamente sono poco accessibili ai decisori aziendali fra cui, ad esempio, i dati real time generati dai sistemi di automazione.
I principali benefici derivanti dall’introduzione delle tecnologie IoT in ambito industriale sono la monetizzazione diretta del dato, ossia la possibilità di ridurre i costi operativi minimizzando scarti, interventi manutentivi e consumi energetici, e la monetizzazione indiretta del dato, ossia la riduzione dei costi legati alla scarsa qualità del prodotto e alle rilavorazioni, al cambio formato, alle interruzioni e micro-interruzioni. Tra i settori su cui si ci stiamo focalizzando citiamo l’industria, per la gestione degli impianti industriali, la logistica, la gestione dei prodotti connessi o Smart Products.

Come il 5G può fornire valore aggiunto ai progetti di Smart Factory?

La tecnologia 5G è un fattore abilitante per numerose applicazioni industriali perché supporta la gestione di un numero crescente di sensori IoT e consente di integrare dati che richiedono banda elevata, quali immagini, video, mappe termografiche, oppure dati e allarmi che richiedono latenza al millisecondo, senza effettuare interventi invasivi sugli impianti. Inoltre con il 5G si superano i vincoli di capacità di calcolo dei device e dei robot: l’intelligenza della soluzione diventa gestibile all’edge della rete dell’operatore con potenzialità di elaborazione pressoché infinite e grande scalabilità, o, se necessario, tramite edge computing dedicato presso la sede dell’azienda.

Noi abbiamo messo in campo e testato le potenzialità del 5G durante la sperimentazione del MiSE a Milano e area metropolitana, di cui Vodafone è stata capofila, realizzando tutti i 41 progetti previsti in collaborazione con 38 partner industriali e istituzionali. Gli ambiti di applicazione della sperimentazione erano diversi: sanità e benessere, sicurezza e sorveglianza, smart energy e smart city, mobilità e trasporti, manifattura e industria 4.0, education e entertainment, digital divide. In ambito industria e manifattura 4.0, una delle soluzioni realizzate aveva come obiettivo la gestione avanzata dei processi negli impianti produttivi manifatturieri attraverso l’utilizzo di tecnologie di machine learning, su dati raccolti da sensori connessi in 5G, per riconfigurare la linea di produzione in tempo reale, riducendo i costi di manutenzione e il tempo di fermo impianto.

Grazie al 5G, è possibile predisporre una connessione wireless altamente performante, installando una sensoristica poco invasiva, e più rapida e flessibile rispetto alla realizzazione di nuovi cablaggi, in vista di successive riconfigurazioni di fabbrica. Abbiamo realizzato anche una soluzione che sfrutta i droni per ispezioni industriali e infrastrutturali e utilizza l’elevata banda del 5G per analizzare le immagini video ad alta definizione e decidere in tempo reale eventuali interventi e una soluzione di robotica collaborativa in cui YuMi, il primo robot collaborativo a due bracci al mondo di ABB, lavora con un operatore per assemblare valvole con un approccio davvero collaborativo, supportato dalla connettività 5G e dall’edge computing sulla rete Vodafone. Si tratta di soluzioni tecnologicamente già realizzabili e che possono essere adottate dalle imprese a partire da modelli di business collaborativi e di co-creazione insieme ai nostri esperti per indirizzare le specifiche esigenze di trasformazione digitale dell’azienda.

Non perdere tutti gli approfondimenti della room Vodafone Business Lab

© RIPRODUZIONE RISERVATA