Il marchio tedesco Porsche racconta Taycan, la prima auto del gruppo ad esser mossa da propulsori esclusivamente elettrici. La nuova vettura arriverà sul mercato nel 2019 e sarà la trasposizione in serie del prototipo Mission-E, tradotto come “puledro vivace”, richiamando l’immagine al centro dello stemma dell’azienda.
L’autonomia, omologata secondo ciclo Nedc, si attesterà attorno ai 482 km con una sola ricarica e 386 km nel caso di una ricarica rapida che si effettua in 15 minuti. Grazie al sistema elettrico a 800 Volt dell’auto, basteranno quindi 4 minuti per ricaricare energia sufficiente a percorrere 100 km. Esteticamente il modello dell’auto dovrebbe mantenersi fedele al prototipo che l’ha anticipata.

Porsche Taycan
Porsche Taycan 

La potenza generata dai due motori elettrici che compongono il powertrain si aggirerà attorno ai 600 CV, con uno sprint da 0 a 100 probabilmente coperto in meno di 3,5 secondi e con una velocità massima di 250 km all’ora.

1.200 nuovi posti dal piano di e-mobility 

Parallelamente al lancio della nuova vettura 100% elettrica, il marchio di Stoccarda che è parte della galassia Volkswagen, annuncia un nuovo piano per l’e-mobility che creerà 1.200 nuovi posti di lavoro.
Taycan sarà prodotta a Zuffenhausen in una fabbrica totalmente aggiornata con un nuovo sito produttivo, che entro il 2020 sarà in grado di produrre 20.000 esemplari l’anno della sportiva elettrica.

Oliver Blume , ceo di Porsche
Oliver Blume, ceo di Porsche

A comunicarlo ufficialmente il Oliver Blume, Ceo di Porsche, che annuncia nei piani centinaia di milioni per l’espansione dei siti di produzione. Il gruppo prevede in particolare di investire entro il 2022 oltre 6 miliardi di euro in tecnologie elettrificate: di questi, circa 500 milioni di euro saranno utilizzati per lo sviluppo di varianti e derivati della Taycan; circa 1 miliardo di euro sarà impiegato per l’elettrificazione e l’ibridizzazione della gamma di prodotti esistenti; alcune centinaia di milioni saranno investite per l’espansione dei siti di produzione; circa 700 milioni di euro per le nuove tecnologie, l’infrastruttura di ricarica e la smart mobility.

© RIPRODUZIONE RISERVATA