ServiceNow rende pubblici i risultati  finanziari per il quarto trimestre e per la chiusura dell’anno fiscale, terminato il 31 dicembre 2018, per quello che viene annunciato dall’azienda come il miglior trimestre di sempre.
La società registra nel periodo entrate da abbonamenti e canoni pari a 666 milioni, con una crescita anno su anno del 33% e ricavi totali pari a oltre 715 milioni, in crescita del 30% rispetto al quarto trimestre dell’anno precedente. I ricavi dell’intero anno ammontano a 2,6 miliardi di dollari e crescono del 36% sul 2017

Partner strategico per le grandi enterprise

Durante l’ultimo trimestre, ServiceNow chiude 51 transazioni, con oltre 1 milione di dollari in valore netto del nuovo contratto annuale, per arrivare a servire oggi circa 5.400 aziende clienti, di cui quasi il 75% presente nella classifica Fortune 500, a testimonianza dell’accrescere del ruolo dell’azienda quale partner strategico per le grandi enterprise. E sempre per rimanere nell’ambito delle classifiche, ServiceNow segnala la propria presenza in Forbes nel 2019, posizionandosi al primo posto nella lista World’s Most Innovative Companies 2018, ed al terzo posto nella Fortune’s Magazine Future 50 list, una nuova classifica dedicata alle aziende globali la maggior crescita a lungo termine.

John Donahoe, Presidente e CEO,  ServiceNow
John Donahoe, Presidente e CEO,  ServiceNow

Abbiamo terminato il 2018 con il nostro quarto trimestre più forte di sempre, continuando il nostro percorso come sostenitori del digital workflow a favore del futuro del lavoro “, dichiara John Donahoe, Presidente e Chief Executive Officer di ServiceNow – Il nostro ruolo come partner strategico per le grandi imprese del mondo continua ad accelerare. Mentre guardiamo ad un altro forte anno di crescita nel 2019, restiamo impegnati a rendere possibile la trasformazione digitale delle aziende”.


Cresce il mercato europeo 

Il portfolio prodotti di ServiceNow registra un trend in crescita in ogni area geografica, ed in particolar modo in quella EMEA. Il backlog totale a fine anno, pari a 5,1 miliardi di dollari, inclusi i ricavi posticipati alla fine del 2018, rappresenta il 35% della crescita anno su anno.

Michael Scarpelli, CFO, ServiceNow
Michael Scarpelli, CFO, ServiceNow

“La forza nel quarto trimestre è stata guidata da un ampliamento delle relazioni con i clienti esistenti, che ha contribuito al valore totale record di 1,5 miliardi dollari di contratti prenotati” dichiara Michael Scarpelli, Chief Financial Officer di ServiceNow.

La società ha delle prospettive di crescita anche per il 2019, dettate dalla previsione di un’ampliamento del portfolio di offerta della stessa, con soluzioni compatibili con altri sistemi e piattaforme, a partire dalla Now Platform, in grado di generare digital workflow continui che possano incrementare la produttività delle aziende.

© RIPRODUZIONE RISERVATA