Speciale Spesa Ict nelle aziende sanitarie – SlowLetter Marzo 2020

La spesa ICT nella sanità pubblica territoriale è da sempre caratterizzata da una elevata frammentazione dei centri di spesa e da una forte attività di manutenzione della macchina operativa esistente, con poco margine d’azione a supporto dell’innovazione. Per effettuare una ricognizione aggiornata sul fenomeno, NetConsulting cube ha supportato AGID nella realizzazione di una analisi presso gli Enti e le Aziende sanitarie italiane che ha permesso di fotografare le tendenze in atto in uno dei settori oggi più importanti e strategici per il Paese

Speciale Spesa Ict nelle aziende sanitarie - SlowLetter Marzo 2020La spesa ICT nella sanità pubblica territoriale, quella che fa capo ad Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASST, ATS e Agenzie sanitarie secondo l'analisi realizzata da AGID e NetConsulting cube nel 2019 e a cui hanno risposto 151 enti pubblici, è pari a 633 milioni di euro nel 2019. La natura della spesa è essenzialmente di tipo Opex, con una forte incidenza della componente destinata alla manutenzione di sistemi e del software e a servizi di tipo continuativo.

La fotografia che ne emerge è caratterizzata da diverse ombre e alcune luci, che tuttavia sono ancora sufficienti per trainare un ambito così strategico per il Paese fuori da una situazione di arretratezza. Le luci sono relative ad esempio alla propensione all'utilizzo del Cloud Computing, che vede già attivi oggi ben il 66% delle Aziende rispondenti; le ombre sono relative alle azioni e agli strumenti messi in campo su security e cybersecurity, sull'utilizzo di piattaforme e strumenti per la relazione con il cittadino e i canali di comunicazione.

Francesco Tortorelli, Head of Public Administration and Supervision Director di AGID, nel commentare i dati conferma questa fotografia ed individua alcune leve per cambiare rotta verso una maggiore digitalizzazione del sistema sanitario. Innanzitutto occorre creare un terreno fertile ad un maggiore scambio di esperienze e best practices, perché dalla condivisione di esperienze di successo si può accelerare il processo di innovazione. In secondo luogo, bisogna premere l'acceleratore dello sviluppo, realizzazione e utilizzo delle piattaforme per il miglioramento della relazione con il paziente e l'erogazione di servizi e sul monitoraggio dei KPI per la misurazione dei servizi.

Infine con Mauro Moruzzi, referente scientifico di Assinter Academy, è stato fatto il punto sulla situazione attuale dei sistemi informativi sanitari letta anche alla luce dell'attuale emergenza COVID19. Si conferma un quadro caratterizzato da sistemi informativi nati e progettati come strumento per il controllo della spesa sanitaria e per la gestione dei flussi amministrativi e informativi, finalizzati a dematerializzare processi che tuttavia permangono caratterizzati dalla burocrazia e che, così strutturati, fanno fatica a stare al passo con le esigenze dell'attuale emergenza sanitaria, che richiede invece una estrema governance dei dati a tutti a livelli.

Tuttavia, la prospettiva è che ciò che ha messo in difficoltà il sistema sanitario italiano rappresenti anche l'occasione per rivedere in logica realmente paziente centrica il modello stesso, distribuito sul territorio ma governato dal centro, tecnologicamente affidabile e vicino al cittadino.  


Compila il form per ricevere via email il Whitepaper

Consenso all'utilizzo dei dati per finalità di vendita e marketing

Inviando questo modulo, accetto che il gruppo NetConsulting cube possa utilizzare i miei dati per finalità di vendita e marketing e contattarmi per questi scopi per telefono o e-mail.

Posso revocare il consenso al gruppo NetConsulting cube in qualsiasi momento, anche in parte, via e-mail a dataprivacy@netconsultingcube.com


Clicca qui per leggere la nostra politica sulla privacy completa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA