E’ lunedì mattina e siamo frastornati dal risultato delle ultime elezioni politiche. Con il Digitale come pensiero guida, siamo andati a ripassare, nei programmi elettorali, quanto sul tema avevano annunciato e proposto i diversi schieramenti, trovando ben poco così come d’altronde avevamo sottolineato un mese fa.

Ma ora siamo al dunque. Sulla base delle oggettive incertezze in merito alla possibilità di formazione di un nuovo Governo da parte di una maggioranza “lineare”, di qualsiasi colore e tendenza esso sarà, ci si rafforzano due convinzioni.

La prima è che senza una spinta marcata verso il Digitale, è oltremodo improbabile che l’Italia possa recuperare il gap che ormai storicamente la divide dalle principali nazioni europee; e questo, non solo in termini di banda ultralarga e di incidenza dell’ecommerce nella nostra economia, ma soprattutto in relazione alla attrattività che il nostro Paese può esercitare verso investimenti esteri, alla qualità della vita e del lavoro, alla semplicità di operare, poco importa che si sia imprenditori, lavoratori, consumatori, cittadini.

La seconda è che, compatibilmente con l’ambiente generale del nostro Paese, il Digitale risponde a dinamiche globali, che si formano “altrove” e che “altrove” trovano in Ricerca e Sviluppo dotata di finanziamenti ben più poderosi di quelli nostrani la propria linfa vitale. Per carità, non che l’Innovazione in Italia non ci sia; non che lo sforzo esercitato nell’incentivare la nascita e la crescita di start up ed imprese innovative in Italia sia inutile; tutt’altro. Ma le grandi dinamiche originano altrove. E quindi, all’insegna del “the show must go on” e nella certezza che comunque l’Innovazione ci toccherà da vicino, che ci siano o meno piani governativi puntuali, siamo certi che qualsiasi prossimo Governo dovrà fare i conti con il Digitale, ed ovviamente auspichiamo che non butti a mare quanto di buono è stato fatto negli ultimi anni in tema di Digitale e anzi lo incentivi e lo cavalchi, per far fare un salto di qualità al nostro Paese.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA