Consip aggiudica la prima procedura negoziata d’urgenza per le attività di procurement connesse all’emergenza sanitaria Covid-19 – realizzata in coordinamento con il Dipartimento della Protezione Civile – per la fornitura di dispositivi medici per terapia intensiva e sub-intensiva, dispositivi e servizi connessi, e dispositivi opzionali.

Cristiano Cannarsa, amministratore delegato di Consip: “Appartenenza allo Stato, impegno e responsabilità hanno reso possibile questo primo grande risultato. Una complessa procedura progettata, pubblicata e aggiudicata in soli 4 giorni, per rendere immediatamente disponibili dispositivi per potenziare la terapia intensiva delle strutture sanitarie”.

Alla procedura – suddivisa in 7 lotti – hanno partecipato 35 imprese per complessive 67 offerte. Rilevanti gli sconti: per esempio Lotto 1 – Ventilatori polmonari ad alta complessità per terapia intensiva” con uno sconto medio del 23%; Lotto 2 – Ventilatori polmonari per terapia sub-intensiva, con uno sconto medio del 16%.

Schema riepilogativo delle aggiudicazioni
Schema riepilogativo delle aggiudicazioni

Le consegne saranno effettuate in 4 scaglioni temporali – entro 3 giorni, tra 4 e 7 giorni, tra 8 e 15 giorni, tra 16 e 45 giorni – dal momento dell’ordine. Per esempio i 3.918 ventilatori totali offerti tra lotto 1 e 2 sono ripartiti in: n. 119 ventilatori entro 3 giorni, n. 200 ventilatori tra 4 e 7 giorni, n. 886 tra 8 e 15 giorni e n. 2.713 tra 16 e 45 giorni.

Per ogni lotto sarà stipulato un accordo quadro con tutti i fornitori aggiudicatari. Gli ordini di fornitura verranno gestiti direttamente da Consip – sulla base dei fabbisogni definiti dalla Protezione Civile – a partire dal fornitore primo classificato, fino all’esaurimento della disponibilità dei prodotti di quest’ultimo, proseguendo poi con un meccanismo “a cascata” verso i fornitori successivi in graduatoria.

La durata dell’accordo quadro è di 6 mesi e potrà essere prorogata fino a un massimo di ulteriori 6 mesi, e comunque non oltre la durata del periodo emergenziale.

Laura Castelli, vice ministro Economia e Finanze
Laura Castelli, vice ministro Economia e Finanze

Così commenta Laura Castelli, vice ministro dell’Economia e delle Finanze: “Ci tengo a ringraziare l’amministratore delegato di Consip, Cristiano Cannarsa, e coloro che in queste ore si stanno adoperando per fare in modo che i nostri ospedali siano riforniti delle attrezzature di cui i medici necessitano, per far fronte all’emergenza in atto. Ringrazio inoltre anche Invitalia che sta garantendo alle aziende che partecipano ai bandi la liquidità necessaria per l’acquisto dell’attrezzatura. Un lavoro di squadra in cui, tutte le parti stanno collaborando in modo eccelso, come pezzi dello stesso puzzle.
Non era mai successo prima d’ora, che una complessa procedura di gara fosse progettata, pubblicata e aggiudicata in soli 4 giorni, in questo caso per rendere immediatamente disponibili dispositivi utili potenziare la terapia intensiva delle strutture sanitarie. Con questa velocità siamo già operativi con circa 5.000 respiratori che stanno per arrivare nelle sale per la terapia intensiva. Già venerdì avremo le prime consegne, e nei prossimi giorni ce ne saranno ulteriori”.

La gara veloce del valore di 185 milioni di euro è stata possibile grazie al provvedimento approvato dalla Protezione Civile, su indicazione del Governo, che ha affidato il ruolo di soggetto attuatore a Consip.
A questa gara, già aggiudicata se ne aggiunge un’altra relativa a 50 centrali di monitoraggio di terapia intensiva, circa 35 milioni di mascherine e 100 milioni di guanti. Entro domani anche questa gara sarà aggiudicata e la prossima settimana inizieranno le spedizioni in tutta Italia.

Aggiornamento 12 marzo 2020

Consip ha avviato la terza e quarta procedura negoziata per le attività di procurement connesse all’emergenza sanitaria Covid-19 – realizzata in coordinamento con il Dipartimento della Protezione Civile – perla fornitura di Tamponi rinofaringei e di Kit diagnostici per coronavirus.

Nel dettaglio si tratta dell’acquisto di:

  • 390.900 Tamponi rinofaringei per un valore totale di € 880.000
  • 267 Kit diagnostici per Coronavirus, corrispondenti a circa 67 mila test diagnostici, per un valore totale di € 1.130.000.

Per ogni procedura sarà stipulato un contratto con il fornitore individuato. Gli ordini di fornitura verranno gestiti direttamente da Consipsulla base dei fabbisogni definiti dalla Protezione Civile. La data presunta di conclusione della procedura è il 12 marzo 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA