Cnh Industrial opera nel settore dei beni strumentali con una serie di brand operativi nei diversi settori industriali. L’azienda quindi progetta, produce e commercializza macchine per l’agricoltura e le costruzioni, veicoli industriali e commerciali, autobus, ma anche mezzi speciali, motori e trasmissioni. Per esempio Case IH, New Holland Agriculture e Steyr è riconosciuta per i trattori e le macchine agricole, Case e New Holland Construction per le macchine movimento terra. In Italia sono ancora più conosciuti i brand Iveco per i veicoli commerciali, Iveco Bus e Heuliez Bus per gli autobus e i bus granturismo, Iveco Astra per i veicoli cava cantiere, Magirus per i veicoli antincendio, Iveco Defence Vehicles per i veicoli per la difesa e la protezione civile. 
Per aiutare l’azienda a potenziare le sue capacità digitali e sviluppare prodotti e servizi di connettività smart, Accenture con Microsoft annuncia una collaborazione su un orizzonte temporale di cinque anni per lo sviluppo di veicoli industriali connessi. 

Al centro dell’accordo l’idea di creare una rete globale di hub digitali in Brasile, Europa, India e Stati Uniti, in cui le tre aziende lavoreranno insieme a progettazione, lancio e gestione dei servizi digitali innovativi per integrare “intelligenza” e funzionalità di sicurezza nella produzione Cnh. “La creazione dei digital hub – spiega Andreas Weishaar, ​​​​​chief Strategy, Talent, Ict and digital officer​, Cnh Industrialrappresenta un pilastro chiave della strategia che porterà Cnh Industrial ad evolvere da produttore di beni fisici a fornitore di nuovi prodotti e servizi digitali e connessi”.

Andreas Weishaar, ​​​​​chief Strategy, Talent, Ict and digital officer​, Cnh Industrial
Andreas Weishaar, ​​​​​chief Strategy, Talent, Ict and digital officer​, Cnh Industrial

La collaborazione nei prossimi cinque anni, con Accenture e Microsoft in modo integrato e agile permetterà di costruire e gestire queste fabbriche digitali, con ripercussioni positive per i clienti, i concessionari, le comunità e l’ambiente” – prosegue Weishaar. Mentre l’obiettivo finale comprende anche la trasformazione della cultura aziendale e dei prodotti, e la generazione di valore attraverso “l’abilitazione digitale delle persone e l’integrazione dei tradizionali modelli di business con i nuovi servizi digitali, con impatti positivi sulla sostenibilità a livello globale”.

In particolare ad Accenture, con Avanade, spetterà ideare, sviluppare, testare ed espandere una gamma di servizi digitali per supportare i nuovi “mezzi” connessi attraverso l’adozione dei digital enabler adeguati, tra cui AI, IoT e cloud computing, oltre agli advanced analytics. Sempre ad Accenture spettano inoltre predisposizione, gestione e coordinamento delle attività dei digital hub, con la definizione del modello operativo di fabbrica digitale e la disponibilità di competenze, strumenti e risorse per attivare team digitali in tutto il mondo. Per questo Accenture si attiverà tramite la sua rete di centri operativi nell’ideazione nella prototipazione nel delivery e nella produzione di soluzioni.

Il ruolo di Microsoft invece si ritaglia all’interno della collaborazione già attiva con Cnh Industrial dal 2018 nell’ambito del progetto di trasformazione digitale dell’azienda italo statunitense. Microsoft continuerà a mettere a disposizione il proprio team di esperti di industry, digital advisor, i servizi di consulenza nella fase di ideazione e realizzazione di nuovi prodotti connessi, facendo leva sulle iniziative di scala globale recentemente annunciate nelle aree delle competenze digitali, della sostenibilità e dell’innovazione relativa all’intelligenza artificiale, oltre che sulla piattaforma Microsoft Azure.

Marco Giletta Microsoft
Marco Giletta, Global Business director Automotive di Microsoft Italia

L’obiettivo comune è mettere a disposizione dei clienti veicoli connessi con servizi e funzionalità a valore aggiunto da impiegare nei diversi ambiti operativi, quindi per esempio al servizio dell’agricoltura computerizzata, ma anche in vista di migliori possibilità di utilizzo delle flotte, o ancora per approdare a soluzioni di trasporto più ecologiche. Per questo Cnh Industrial vuole anche sviluppare un’ampia gamma di servizi digitali data driven. Per esempio, proprio in ambito agricolo, per ottenere un miglioramento nei raccolti, o nell’industria dei trasporti, per rendere i veicoli e la gestione delle flotte più efficienti. 

“In un momento delicato per il settore dei mezzi industriali, ]…[ la realizzazione di un ecosistema di servizi connessi renderà più semplici le operazioni quotidiane dei clienti dei brand di Cnh Industrial, ma potrà anche avere un impatto positivo sulla crescita sostenibile del settore – spiega Marco Giletta, Global Business director Automotive di Microsoft Italia –  E la collaborazione sinergica tra tutti gli attori coinvolti permetterà a Cnh Industrial di accedere a tecnologie e competenze verticali sull’industry, nonché alla capacità di realizzare progetti digitali, perseguendo il proprio percorso di trasformazione digitale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA