Garantire ai merchant l’accesso diretto e in tempo reale alle informazioni di tracking delle spedizioni, in modo da poter intervenire tempestivamente sulle situazioni problematiche e garantire ai clienti la miglior customer experience possibile.
Questa l’idea iniziale del business di Qapla’ che nasce nel 2014 da un intuizione che Roberto Fumarola, attuale Ceo dell’azienda, e Luca Cassia, Cto, avevano avuto in verità già un decennio prima durante la loro comune esperienza in Leader Spa, realtà attiva nella distribuzione di videogiochi e hardware.
Oggi, oltre che in Italia, Qapla’ è attiva da due anni anche in Spagna ed entro la fine del 2020 prevede di entrare in almeno altre due country.

Ce ne parla Alberto Lombardo, country manager per il nostro Paese: “Sì. Quello che non ci aspettavamo era di scoprire quanto gli utenti fossero interessati a ricevere comunicazioni relative alla consegna dei prodotti da loro acquistati. Da questa “scoperta” è nata l’idea di trasformare le nostre tracking page e le nostre mail in opportunità di business”.

Il progetto è evoluto proprio in questo senso e oggi Qapla’ è una piattaforma SaaS multi courier in grado di snellire i processi d’evasione/gestione ordini, elaborare i dati di tracking e utilizzarli per creare nuove opportunità di vendita.
“La nostra piattaforma – prosegue Lombardooffre un ventaglio di soluzioni atte a garantire, innanzitutto, l’ottimizzazione dei processi interni ai merchant, l’automatizzazione della fase di stampa delle etichette/evasione ordine e la gestione integrata dei ticket d’assistenza”.

La soluzione permette ai merchant di monitorare le proprie spedizioni, attraverso un unico pannello di controllo, Qapla’ traccia oltre 120 corrieri attraverso tracking page personalizzate. Il tratto distintivo più interessante per gli operatori di e-commerce è che con Qapla’ “la fase di tracking delle spedizione può essere trasformata in opportunità di marketing”. Grazie alla soluzione, infatti, “il merchant può inviare al cliente finale comunicazioni di vario tipo relative allo stato di avanzamento della spedizione, arricchendole con messaggi personalizzati che ne possano rafforzare l’identità e brand awareness”.

Alberto Lombardo, country manager Italy Qapla’

L’azienda ha lavorato molto su questo concetto di “personalizzazione”, sviluppando interazioni con sistemi esterni, come per esempio software di recommendation, che hanno contribuito a rendere ancor più efficace e completo la nostra soluzione. Ad oggi, la soluzione di Qapla’ è un sistema automatizzato e massivo (1 to many) all’interno del quale però è possibile attuare strategie mirate per singolo consumatore (1 to 1).

La soluzione nasce quindi in risposta alle esigenze di controllo degli operatori di e-commerce e si rivolge a tutte le realtà che si trovano a dover gestire spedizioni all’utente finale, all’interno del loro processo di vendita. Le esigenze del cliente in termini di supporto e assistenza così come di ottimizzazione delle performance, infatti, non variano in base alla sorgente d’acquisto.

Lo stesso mercato b2b, pur rispondendo a dinamiche commerciali ben diverse da quello b2c, ha mostrato negli ultimi anni un costante aumento nella volontà di comunicare con i propri clienti in maniera diretta ed efficace. Prosegue Lombardo: “Proprio per questi motivi il potenziale commerciale legato a una soluzione come Qapla’ è rilevante. Tra gli attuali clienti quindi contiamo Kiko, Pupa, Moschino, ArcaPlanet, Yespresso e AmicaFarmacia. Tutte queste realtà hanno integrato Qapla’ all’interno del loro workflow. Con qualche risultato. Per fare un solo esempio, AmicaFarmacia, grazie all’annuncio pubblicitario inserito su email e tracking page, da settembre 2019 a oggi ha ottenuto un aumento del fatturato del 17% con un convertion rate del 4,4%”.

Tra le caratteristiche di Qapla’ la facilità e la velocità di integrazione, possibilità di configurazione in poche ore (sfruttando plugin e Api), un’interfaccia intuitiva e lineare per impararne rapidamente le funzionalità e poterla utilizzare al meglio ed infine la flessibilità.  

“E’ evidente non solo nella fase di configurazione dei propri canali di comunicazione relative al tracking ma anche nella proposta commerciale – spiega Lombardo – oltre a non prevedere vincoli contrattuali né costi fissi (costi di licenza o canoni mensili), infatti, è gestita da crediti acquistabili in vari tagli di ricarica. Questo modello di business rende Qapla’ scalabile e usufruibile per qualsiasi realtà. Parlando di costi/benefici, possiamo dire che l’utilizzo di Qapla’ è invece consigliato per le realtà che gestiscono volumi mensili superiori alle cinquecento spedizioni”.

Leggi tutti gli approfondimenti dello Speciale Logistica 2020

© RIPRODUZIONE RISERVATA