Non si arresta Cybaze che sta facendo acquisizioni, uno dopo l’altra, nel mercato della sicurezza. L’ultima è quella di Yoroi, la società romagnola nata attorno alle competenze di ex manager Cisco (con investitori Maurizio Camurani, Mauro Casagrande, David Bevilacqua attraverso la holding Mam e con soci Marco Testi e Marco Ramilli, fondatore e Cto) che si è focalizzata sui servizi per il mercato della cybersecurity, per permettere ai clienti di comprendere le origini dei principali attacchi e sanare le vulnerabilità con policy severe. “Negli ultimi anni abbiamo osservato un’evoluzione in maniera preponderante dei malware – aveva dichiarato  a Inno3 Marco Ramilli, in occasione dei dati del Cybersecurity Annual Report -, malware in grado di eludere le tecnologie antivirus e di bypassare i sistemi di sicurezza tradizionali, o di rimanere silenti nei sistemi per lunghi periodi fino al momento di rubare dati o informazioni”. Da qui il go-to-market focalizzato sui servizi in un mercato che attira l’attenzione.

Marco Castaldo, Ceo di Cybaze & Marco Ramilli, Founder e Cto di Yoroi
Marco Castaldo, Ceo di Cybaze & Marco Ramilli, Founder e Cto di Yoroi

Oggi Yoroi entra nel paniere di Cybaze, l’azienda tutta italiana nata tre mesi fa dall’idea di Marco Castaldo (amministratore delegato) e Pierluigi Paganini (Cto) che ha unito la triestina Emaze (information security) e la romana Cse CybSe (cybersecurity) per creare un polo nel mercato della cybersecurity. Dal matrimonio, il nome: Cybaze. A queste due realtà si era poi aggiunta la torinese Mediaservice (security advisory) acquisita al 100% e oggi la romagnola Yoroi, attiva appunto nei servizi di sicurezza. Quattro anime in una.

“Il progetto di sviluppare un polo nazionale di eccellenza dedicato al mercato della cybersecurity è stato determinante per la decisione di cedere la maggioranza di Yoroi a Cybaze – ci racconta David Bevilacqua, co-fondatore di Yoroi -. Si andrà a creare un polo nazionale, all’interno del quale Yoroi continuerà ad avere un ruolo chiave. Ormai dopo tre anni di vita, la nostra azienda, non più una startup, era entrata in una fase di maturità e stavamo valutando diverse opportunità interessanti per il futuro. L’idea di Cybaze, di creare un polo italiano nel mercato della cybersecurity attraverso acquisizioni di realtà e di competenze, sposava appieno la nostra strategia”. Detto, fatto.

A settembre, Cybaze contava 90 esperti e uffici in 8 città (Milano, Udine, Trieste, Roma, Napoli e Benevento, Bruxelles e Lugano) con un fatturato di circa 6 milioni di euro. Ora con Mediaservice e Yoroi (che porta in dote una quindicina di persone), il gruppo dovrebbe arrivare a 10 milioni di euro di fatturato aggregato.

Il processo di acquisizione si completerà entro il mese. Presidente della società Giulio Terzi di Sant’Agata, già ministro degli Esteri nel governo Monti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA