DHL, tramite la sua divisione DHL Global Forwarding, presenta l’applicazione Resilience360.
Il gruppo punta così ulterioremente sulla propria piattaforma cloud Resilience360 per il monitoraggio in tempo reale delle operazioni di supply chain, sulla quale ha già recentemente investito in modo cospicuo.

L’app mobile Resilience360 è pensata per la gestione del rischio della catena di approvvigionamento globale in tempo reale, grazie all’analisi predittiva e aiuta pertanto a prevenire possibili interruzioni dovute a disastri naturali, instabilità politica o attacchi informatici, puntando ad evitare ingenti perdite economiche o danni all’immagine delle aziende. 

Tobias Larsson, responsabile di Resilience360, DHL Customer Solutions & Innovations
Tobias Larsson, responsabile di Resilience360, DHL Customer Solutions & Innovations

Nel mondo sempre più connesso in cui viviamo, sia le persone che i beni sono costantemente in movimento, rendendo imperativo la gestione del rischio quasi in tempo reale – dichiara Tobias Larsson, responsabile di Resilience360, DHL Customer Solutions & Innovations -. Allo stesso tempo, le catene di fornitura sono diventate incredibilmente complesse; tuttavia, grazie a tecnologie rivoluzionarie come i big data, l’analisi predittiva e gli algoritmi di apprendimento automatico, siamo in grado di identificare e gestire i rischi come mai prima d’ora. La nostra app mette tutto quel potere predittivo a portata di mano”.

Nello specifico, l’app, permette di monitorare ovunque e quasi in tempo reale la supply chain oltre che di conoscere eventuali incidenti/inconvenienti esterni in grado di interrompere la filiera logistica, è un’estensione della piattaforma già esistente, Resilience360, che negli ultimi anni ha visto il lancio vari moduli, tra cui:

  • Transparency Portal per fornire informazioni sui fornitori al fine di garantire qualità e rispetto delle normative
  • Supply Watch che grazie alle tecnologie Machine Learning e al Natural Language Processing permette di rilevare possibili interruzioni lungo tutta la catena di approvvigionamento
  • Resilience360 Analytics per la raccolta e l’analisi dati.

DHL ha già recentemente investito sulla sua piattaforma, segno della volontà di continuare a puntare sul suo prodotto, forte anche della sua adozione da parte di alcuni tra i grandi player, come ad esempio Google.

“Il sistema ci consente di controllare meglio gli imprevisti; invece di reagire dopo che si è verificato un problema – afferma Vivek Syania, responsabile delle operazioni di trasporto per le Americhe in Google, durante la conferenza annuale Risk & Resilience -. Ora possiamo prendere decisioni sulle spedizioni prima che entrino nella pipeline o mentre sono in transito” .

© RIPRODUZIONE RISERVATA