Festeggia 25 anni di attività rimanendo fedele alla prima promessa: focus sul mercato della cybersecurity con attività mirate di consulenza a supporto delle aziende che hanno visto in questi anni integrare il digitale nei propri modelli di business.

E’ Marco Coppolino, Founder di Consys.it, a ribadire un percorso nato molto prima del fenomeno nascente di Internet, ma che già vedeva nella tematica della sicurezza un punto di criticità per molte aziende, andando oltre alle tecnologie via via portate sul mercato (dal firewall, all’intrusion detection, all’antivirus fino ai temi attuali della cybersecurity legata a cloud e devops). “Siamo innovativi per tradizione – precisa Coppolinoe credo che dopo 25 anni possiamo dire ancora la nostra nonostante il forte cambiamento tecnologico in atto”.

Marco Coppolino, founder di Consys.it
Marco Coppolino, founder di Consys.it

Oggi l’azienda – in mano a due soci al 50% (Marco Coppolino e Alberto Fenini) con un fatturato da 40 milioni di euro – conta 35 persone, cresciute in modo lineare negli anni con focus sulle competenze di cybersecurity.

“Ragioniamo seguendo l’approccio security by design che permea anche i vertical di mercato, dall’automotive, all’industria, alle assicurazioni al travel e che coinvolge sempre più i profili di business delle aziende, non i responsabili IT. Più che di tecnologie, affrontiamo tematiche su cui discutiamo insieme ai clienti per rendere il loro approccio al mercato sicuro, rapido, intuitivo”. precisa Coppolino.

“Oggi le parole che guidano le richieste delle aziende sono orchestrazione e automazionecontinua Alberto Fenini, Ceo di Consys – e il fatto che noi ci poniamo come advisor di security ci permette di lavorare con tutti i cloud provider sul mercato. Noi non vendiamo cloud, ma approcciamo la tematica della sicurezza nel nuovi modelli di cloud serverless. Portiamo consulenza nel mondo del cloud e del devops”. 

Crescita organica

Gli interlocutori sono grandi aziende con le quali Consys ha un rapporto di lunga durata, con un parco clienti che conta 130 grandi realtà con le quali negli anni ha lavorato. “Sono realtà che si rivolgono a noi per fare progetti, non per comprare soluzioni, che considerano la sicurezza un tema legato all’intero ciclo di vita dell’azienda e delle applicazioni aziendali”. Da un lato i consulenti di Consys fanno un’analisi di insieme sulla tematica individuata, dall’altro metto in pratica sui singoli vertical specifiche soluzioni di sicurezza.

Alberto Fenini, Ceo di Consys.it
Alberto Fenini, Ceo di Consys.it

Un percorso che ha portato Consys a crescere in diversi territori, spingendola ad aprire una sede a Roma (guidata da Vittorio Ranucci) per coprire il mercato della PA centrale e delle aziende al Sud, e lanciare una nuova realtà a Lugano (guidata da Edoardo Albizzati) per iniziare ad approcciare il mercato internazionale . “Oggi l’azienda sta allargando il proprio raggio d’azione – precisa Fenini -. Nell’ultimo anno, Consys è cresciuta più della media di mercato e sta vivendo una naturale trasformazione con un riposizionamento del proprio paradigma, dove a guidare sono i servizi di consulenza al di là dell’offerta tecnologica. In questo scenario era naturale pensare a crescere sia in Italia sia oltre confine”.

Svizzera con tre soci

La società ha così dato vita alla startup svizzera, battezza theUNTOLD by Consys.it, che è a tutti gli effetti un incubatore di servizi di consulenza legati alla security proposti sul mercato elvetico.
Una società con tre soci paritari (Coppolino Cto, Fenini Cfo, Albizzati Ceo) con  fatturato proprio, che eredita la gestione dei clienti svizzeri in precedenza seguiti dall’Italia. “La Svizzera potrebbe essere il trampolino per altri mercati” conclude Fenini, rimarcando la strategia di Consys di essere partner strategico per le grandi aziende. “In questo primo anno di attività l’obiettivo di fatturato di theUNTOLD by Consys.it è di 500.000 franchi svizzeri, ma stimiamo di arrivare ai 2 milioni di franchi nel 2020”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA