E’ partita la campagna di crowfunding per aiutare la crescita di Design Italy all’estero e rafforzare la community di Pmi italiane di design in fase di ripartenza dopo il periodo di emergenza sanitaria, in un settore ad alto potenziale nel nostro Paese come il design.

Design Italy nasce come marketplace digitale, appena un anno fa, dall’idea di Roberto Ferrari (ex direttore di Che Banca! ed esperto fintech), per mettere in contatto digital buyer nazionali ed esteri con produttori italiani di oggetti di design di lusso. Si tratta di una piattaforma di e-commerce orientata all’export e alla promozione nel mondo del tessuto produttivo d’eccellenza italiano.

Un digital marketplace, multiseller e multicategoria che mette in contatto i digital buyer di fascia alta di tutto il mondo, con selezionati produttori italiani di oggetti di design, promuovendoli su territorio nazionale e internazionale.
Chi acquista su Design Italy ritrova un tipico flagship store italiano dove cercare oggetti di design made in Italy esclusivi, quasi sempre fatti a mano, anche “one of a kind”, e personalizzabili ed un catalogo selezionato da un team esperti dal gusto contemporaneo con servizi di customer service e logistici curati.

In pratica Design Italy opera quindi come facilitatore ed acceleratore per offrire un servizio chiavi in mano a impatto zero anche alle piccole realtà e ai giovani designer che possono così vendere online le proprie creazioni sfruttando il servizio end-to-end.

Roberto Ferrari, Ceo e founder di Design Italy
Roberto Ferrari, Ceo e founder di Design Italy

Oggi Design Italy conta circa 70 venditori tra aziende e designer per un catalogo di 1.000 oggetti di design, altre 20 aziende sono pronte a partire entro l’estate. Tra le realtà che operano con Design Italy: Studio 65, Zanetto, Budri, Paola C., Baleri, Franco Audrito, Martinelli Luce, Giacopini. La campagna di crowdfunding rimarrà attiva per circa due mesi, fino a metà luglio, sulla piattaforma 200Crowd.com.

Il mercato in cui opera Design Italy fino a prima dell’inizio dell’emergenza sanitaria ha continuato a registrare una buona crescita, nel 2019 il digital export è cresciuto del 15% per un valore complessivo di circa 12 miliardi. Questo mercato valeva appena 6 miliardi nel 2015. In particolare il settore dell’arredo l’anno scorso ha maturato una crescita del 19%.

Sottolinea il momento di ripartenza il founder e Ceo di Design Italy Ferrari: “Siamo entusiasti di tornare operativi con una campagna di crowdfunding che, siamo certi, raccoglierà l’interesse degli investitori nel momento del rilancio nazionale]…[. Il made in Italy rappresenta un fortissimo asset nazionale e può, oltre che deve, essere un punto di partenza per ridare vigore all’export e cogliere l’opportunità data dalla crescente domanda di “bello e ben fatto” on line”.

L’obiettivo della campagna è la raccolta di raccolta di una cifra tra 150mila e 300 mila euro. Prosegue Ferrari: “Guardando al 2021 siamo molto ambiziosi, con il raggiungimento di un fatturato di 1.7 milioni che ci consentirebbe di incrementare le attività di marketing, lanciare progetti speciali già in lavorazione e continuare negli sviluppi digitali e di catalogo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA