Il settore della Logistica sta attraverso un periodo di forte trasformazione che discende dalla rivoluzione in atto nel comparto industriale e si realizza grazie all’adozione e sulla spinta delle più recenti tecnologie in campo informatico e digitale. Si tratta di un cambiamento che impatta su operation, processi, organizzazione e competenze.

Ne parliamo con Paolo Guidi, National Sales and Marketing Manager e Davide Albanesi, National Sales & BD Manager di Kuehne Nagel, uno dei principali operatori a livello mondiale nei trasporti e nella logistica, con oltre 79.000 dipendenti e 1.300 siti in più di 100 Paesi.

Quale impatto nel corso degli ultimi anni la tecnologia ha avuto sulle attività, sui processi e sul modello di business dell’azienda?

Paolo Guidi, National Sales and Marketing Manager di Kuehne Nagel
Paolo Guidi, National Sales and Marketing Manager di Kuehne Nagel

Guidi: “Negli ultimi anni, la tecnologia ha fortemente influenzato l’evoluzione dei processi operativi, i modelli di business dei clienti nonché l’organizzazione stessa delle aziende: basti pensare a come oggi sia possibile, attraverso un sistema IT integrato, collegare le attività di forwarding con quelle di contract logistics.
Ovviamente, il trend evolutivo in Kuehne + Nagel non è stato diverso. Il nostro gruppo ha da sempre attribuito all’innovazione un ruolo di primaria importanza, investendo molto in tale ambito.
Grazie a tale scelta strategica oggi, attraverso i nostri sistemi innovativi quali KN Login, KN Warehouse Management System e KN Transport Management System, siamo in grado di garantire una visibilità a 360 gradi dell’intera supply chain, dal fornitore al cliente finale.
L’impatto della tecnologia si è fatto sentire anche all’interno della nostra organizzazione, la quale ha assunto una maggiore specializzazione ed ha istituito per la nostra Business Unit Contract Logistics, nel Dipartimento KNPS (Kuehne + Nagel Production System), un team focalizzato sull’innovazione presente a livello globale, regionale e locale”.

Quali sono stati i principali progetti che Kuehne Nagel ha implementato per far evolvere l’impresa in ottica 4.0? Quali sono invece i progetti in fase di valutazione?

Davide Albanesi, National Sales & BD Manager di Kuehne Nagel
Davide Albanesi, National Sales & BD Manager di Kuehne Nagel

Albanesi: “Per il gruppo Kuehne + Nagel, l’automazione e l’innovazione hanno da sempre goduto di una forte attenzione. In particolare, negli ultimi anni Kuehne + Nagel Italia, in aggiunta ai sistemi di Voice Picking, Put to Light, RFID e magazzini intensivi, ha introdotto nuove importanti tecnologie, quali il Collaborative Robot (Co.Bot) nella logistica farmaceutica, progetto per altro premiato da Assologistica con l’aggiudicazione del Premio del Logistico dell’Anno 2017 nella sezione “Innovazione in ambito tecnologico”; i Droni a supporto dell’attività inventariale nei nostri magazzini dedicati a clienti del settore consumer; l’Automatic Cleaning Machine, di fondamentale importanza nell’ambito del consumer per conseguire il rispetto degli alti standard richiesti dalle normative Haccp e, infine, l’AGV, implementato nel settore aeronautico.
Oltre a tutto ciò abbiamo avviato una fase di sperimentazione di nuovi strumenti innovativi, quali i sistemi di Autostore nell’ambito dell’e-commerce, i sistemi di Air Cleaner e l’introduzione dei sistemi di Agv nella logistica in house”.

Quali sono le tecnologie chiave della Logistica 4.0?

Guidi: “Mi trovo a confermare quanto detto da Albanesi, aggiungendo però che, nella Logistica 4.0, è di fondamentale importanza innovare non solo attraverso una “tecnologia” intesa in senso letterale, bensì anche attraverso una tecnologia basata su competenze.
Per questo motivo, risulta quindi cruciale formare e specializzare le persone, in modo che esse siano in grado, attraverso il loro know how innovativo, di ridisegnare un intero processo di supplì chain, creando nuova efficacia economica e di livello di servizio.

Kuehne + Nagel Italia, grazie ad un costante lavoro in tal senso, si è aggiudicata due premi del Logistico dell’Anno da Assologistica per aver ricreato, ex novo, interi modelli di supply chain a livello globale: il primo, una menzione speciale per il “migliore progetto di ridisegno della global supply chain spare parts”, con il gruppo Maschio Gaspardo; il secondo premio per “l’approccio innovativo nel processo di internazionalizzazione delle imprese”, conseguito con il gruppo Leonardo.
Questi prestigiosi riconoscimenti sono la prova di come, attraverso una tecnologia di competenze basata sul know how delle persone e sistemi informatici, sia possibile portare innovazione in quella che è ormai la logistica del futuro”.

Come immagina l’azienda nel lungo periodo? L’innovazione tecnologica permetterà di traguardare risultati oggi ancora impensabili?

Guidi: “Non ho alcun dubbio in merito al fatto che, in un futuro non così lontano, sarà possibile raggiungere dei risultati che, ad oggi, non sono per noi nemmeno immaginabili.
Per quanto riguarda il nostro gruppo, Kuehne + Nagel continuerà sicuramente il suo percorso di evoluzione facendo dell’innovazione il punto chiave nella nostra strategia di sviluppo per i prossimi cinque anni.
Personalmente, sono molto curioso di vedere quali altre entusiasmanti trasformazioni subirà il mondo della logistica e sono certo che ci aspettano ancora molte sorprese”.

Leggi tutti gli approfondimenti dello Speciale Logistica 4.0

© RIPRODUZIONE RISERVATA